Cronaca

Finisce in carcere anche il fratello del "rapinatore con l'ascia"

Già ai domiciliari per rapina, lesioni e resistenza, aveva più volte violato gli obblighi

Già agli arresti domiciliari per rapina, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, si sono aperte le porte del carcere per un 21enne marocchino già noto alle forze dell'ordine. Lo straniero, fratello del "rapinatore con l'ascia", arrestato dai carabinieri di Riccione la scorsa settimana per i due colpi messi a segno entrambi nella tabaccheria di viale Bologna, nella Perla Verde, secondo le indagini dei militari dell'Arma aveva più volte violato gli obblighi dei domiciliari. Pizzicato dai carabinieri, è partita così l'informativa al Tribunale di Sorveglianza di Bologna che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare ai "Casettti" di Rimini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce in carcere anche il fratello del "rapinatore con l'ascia"

RiminiToday è in caricamento