Finti carabinieri entrano in casa di un anziano e lo derubano di migliaia di euro

I tre uomini dopo un piccolo colloquio e alcune richieste sono riusciti a raggirare l'ultraottantenne e a convincerlo sia a consegnare denaro contante per circa 5.000 euro

Anziano raggirato da tre individui che si sono finti delle forze dell'ordine. Vittima dell'episodio un ultraottantenne riminese. Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Volante della Questura Rimini, intervenuti su richiesta del nipote della vittima, l'anziano si trovava solo in casa quando si sono presentati tre uomini, che indossavano probabilmente delle pettorine con la scritta “Carabinieri”, che hanno subito iniziato a rivolgere al malcapitato alcune domande finalizzate ad acquisire informazioni in merito all’eventuale presenza all’interno dell’abitazione di valori e al luogo in cui gli stessi erano custoditi. 

I tre uomini dopo un piccolo colloquio e alcune richieste sono riusciti a raggirare l'ultraottantenne e a convincerlo sia a consegnare denaro contante per circa 5.000 euro, che a mostrare la cassaforte, dalla quale non hanno prelevato nulla in quanto contenente soltanto oggetti di poco valore. I malviventi, inoltre, non ancora contenti, hanno chiesto indicazioni in merito alla presenza in casa di preziosi in oro. Dopo essersi portati in un box situato all’esterno nel cortile (indicato dall’anziano signore), i tre uomini hanno desistito da loro intento, allontanandosi con il denaro. Gli uomini delle Volanti della Questura di Rimini hanno quindi avviato le indagini e hanno disposto i relativi accertamenti tecnico-scientifici necessari per risalire all’identità dei truffatori.

Quella appena descritta purtroppo è un’altra storia analoga a quelle già più volte accadute nel riminese ai danni delle persone anziane: quella appena descritta è certamente la classica ipotesi di truffa ai danni delle persone anziane. Ed è proprio al fine di evitare che episodi come quello testé descritto possano ripetersi che la Polizia di Stato, da sempre in prima linea contro il fenomeno delle truffe agli anziani, al fine di tutelare le fasce più indifese della popolazione dai rischi, intende fornire alcuni piccoli ma utili consigli che possono impedire alle persone anziane o sole (o comunque più indifese) di diventare vittima di malviventi.

Il consiglio è quello di non aprite la porta di casa a sconosciuti o che dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità. Verificare sempre con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla porta e per quali motivi. Se non vengono ricevute delle rassicurazioni non aprite per nessun motivo. Occorre ricordare che nessun Ente manda personale a casa per il pagamento delle bollette, per rimborsi o per sostituire banconote false date erroneamente. Per qualunque problema e per chiarirvi qualsiasi dubbio non bisogna esitare a chiamare il 113.

Quando vengono effettuate delle operazioni di prelievo o versamento in banca o in un ufficio postale, possibilmente è necessario farsi accompagnare, soprattutto nei giorni in cui vengono pagate le pensioni o in quelli di scadenze generalizzate. E' suggerito non fermarsi mai per strada per dare ascolto a chi vi offre facili guadagni o a chi vi chiede di poter controllare i soldi o il libretto della pensione anche se si tratta di una persona distinta e dai modi affabili. Qualora si avesse il dubbio di essere osservati è consigliato fermarsi all'interno della banca o dell'ufficio postale e parlarne con gli impiegati o con chi effettua il servizio di vigilanza. Se il dubbio assale per strada, la Polizia suggerisce di entrare in un negozio o cercate un poliziotto o una compagnia sicura.

Durante il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall'ufficio postale, con i soldi in tasca, è consigliato non fermarsi con sconosciuti e non farsidistrarre. Nessun cassiere di banca o di ufficio postale insegue il cliente per strada per rilevare un errore nel conteggio del denaro che è stato consegnato. Prudenza quando si usa il bancomat: è necessario evitare di operare quando ci si sente osservati.

Consigli per i figli, nipoti e parenti stretti - "Non lasciate - informa la Polizia - soli i vostri anziani, anche se non abitate con loro fatevi sentire spesso e interessatevi ai loro problemi quotidiani Ricordategli sempre di adottare tutte le cautele necessarie nei contatti con gli sconosciuti. Se hanno il minimo dubbio fategli capire che è importante chiedere aiuto a voi, ad un vicino di casa oppure contattare il 113. Ricordate che, anche se non ve lo chiedono, hanno bisogno di voi".

Consigli per i vicini di casa - "Se nel vostro palazzo abitano anziani soli, scambiate ogni tanto con loro quattro chiacchiere. La vostra cordialità li farà sentire meno soli - chiosano le forze dell'ordine -. Se alla loro porta bussano degli sconosciuti esortateli a contattarvi per chiarire ogni dubbio. La vostra presenza li renderà più sicuri. Segnalate al 113 ogni circostanza anomala o sospetta che coinvolga l'anziano vostro vicino di casa".

Consigli per gli impiegati di banca o di uffici postali - "Quando allo sportello si presenta un anziano e fa una richiesta spropositata di denaro contante, perdete un minuto a parlare con lui - evidenziano dalla Questura -. Basta poco per evitare un dramma. Spiegategli che all'esterno di banche e uffici postali nessun impiegato effettua controlli. Per ogni minimo dubbio esortateli a contattarvi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Risotto coi funghi velenosi: muore dopo una settimana di agonia

  • Il Cocoricò riapre le porte con un nuovo gestore: "Inaugureremo a Pasqua e ci saranno grandi eventi"

  • Valerio Braschi pronto ad aprire il suo ristorante: il campione di Masterchef cerca personale

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

  • Il caffè troppo "nero" di un imprenditore: scoperta evasione per tre milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento