Folle inseguimento lungo le strade, i malviventi scappano a 220 chilometri all'ora

Un suv ha ignorato l'alt di una pattuglia dei carabinieri innescando una corsa in autostrada terminata con una fuga a piedi nei campi

Scene degne della saga di Fast&Furious quelle vissute dai carabinieri di Rimini e Riccione nella prima serata di martedì quando un suv, che ha ignorato l'alt di una pattuglia, ha dato il via a una folle corsa sulle strade. L'inizio è avvenuto poco prima delle 20 quando, a Riccione, una "gazzella" ha intimato l'alt a un suv della Bmw risulòtato rubato che, da Morciano, procedeva in direzione Cattolica. Nonostante le segnalazioni dei militari dell'Arma il guidatore del fuoristrada, pare con almeno due persone a bordo, ha iniziato a spingere sull'acceleratore per evitare di essere fermato. E' scattato così l'allarme che ha mobilitato anche le altre pattuglie dei carabinieri i quali hanno cercato di intercettare il mezzo che, a sua volta, ha imboccato l'autostrada al casello di Cattolica sfondando la sbarra nella corsia del Telepass. Una volta in A14 il suv ha puntato in direzione nord e ha toccato i 220 chilometri all'ora per seminare la gazzella che, a sirene spiegate e coi lampeggianti accesi, ha cercato di tallonarlo fino a perderlo di vista.

Nel frattempo, le altre pattuglie hanno cercato di posizionarsi ai vari caselli nella speranza di intercettare il Bmw in uscita. I fuggitivi sono usciti al casello di Rimini sud e, sempre sfondando la sbarra nella corsia del Telepass e a tutta velocità, hanno imboccato via Coriano e, non prima di aver provocato un incidente con una "gazzella", si sono infilati in via Acquabona dove hanno abbandonato il suv e proseguito la fuga a piedi in mezzo ai campi. Nonostante il forte dispiegamento di pattuglie, i carabinieri non sono riusciti a catturare i fuggitivi, inghiottiti nella notte, coi militari dell'Arma che hanno battuto la campagna alla loro ricerca. Dagli inquirenti trapela ottimismo: gli accertamenti eseguiti nell’immediatezza dai militari ed in particolare, sia all’interno del mezzo rinvenuto che lungo il tragitto, hanno permesso di recuperare importanti elementi utili alle indagini che potranno consentire con ogni probabilità importanti sviluppi operativi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento