menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Vale sta bene e sta riposando". E il "Dottore" si scatta un selfie con le infermiere

Al fianco del "Dottore" vi è mamma Stefania, mentre all'esterno del nosocomio si è radunato un drappello di giornalisti

Non preoccupano le condizioni di Valentino Rossi, ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Infermi di Rimini dopo la caduta dalla moto da cross al crossodromo di Cavallara dove si stava allenando. Al fianco del "Dottore" vi è mamma Stefania, mentre all'esterno del nosocomio si è radunato un drappello di giornalisti. "Vale sta bene e sta riposando", ha evidenziato. A portare il sostegno al nove volte campione del mondo anche un gruppo di studenti del "Marco Polo".

IL RICOVERO - Il talento di Tavullia è arrivato nel tardo pomeriggio di giovedì col suo team nel nosocomio riminese, senza essere trasportato da un'ambulanza. Sottoposto ai primi accertamenti, Valentino avrebbe riportato una serie di traumi all'addome, al torace e alla testa ma non ci sarebbero tracce di fratture. Circondato dai membri del suo staff, a puro titolo precauzionale è stato ricoverato nel reparto di Rianimazione. A testimonianza delle condizioni del "Dottore" anche un selfie con lo staff dell'ospedale.

L'ULTIMO BOLLETTINO - L'ultimo bollettino, diramato dalla team Movistar Yamaha MotoGp, parla di "un leggero trauma toracico e addominale" e che "Rossi sta compiendo progressi positivi nel suo recupero. Durante la visita, viene aggiunto, "Valentino ha detto che sta vivendo meno dolore sia nel petto che nell'addome, rispetto alla notte. Non vi sono ulteriori complicazioni. Nelle prossime ore sarà sottoposto a prove diagnostiche di routine. Se i risultati sono positivi, potrà esser dimesso dall'ospedale nelle prossime ore".

L'INCIDENTE - La dinamica dell'incidente sulla pista di Cavallara è ancora dubbia in quanto, secondo i primi accertamenti, nessuno avrebbe visto la caduta del pilota 38enne. Quello che è certo è che, dopo aver sbattuto il torace contro il manubrio, è rovinato a terra. Soccorso immediatamente e riportato alla base da un'auto di servizio, in un primo momento il dottore di Tavullia non sarebbe stato intenzionato a ricorrere alle cure mediche. Col passare del tempo, però, il dolore si è fatto più acuto e insieme al suo team ha deciso di presentarsi al pronto soccorso dell'Infermi per gli accertamenti.

reparto-rianimazione-2017-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Zuppa inglese: origini, 2 ricette e varianti golose

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento