menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riccione, il sabbiodotto produce i primi effetti: ricostruito il primo tratto di spiaggia

Proseguono, nel frattempo, anche i lavori di dragaggio delle darsene, affidati da Geat al Motopontone “Amedeo” della Cooperativa Braccianti Riminesi.

Il Sabbiodotto di Riccione sta cominciando a produrre i primi apprezzabili risultati. Partite venerdì scorso, le operazioni di pompaggio della miscela di acqua e sabbia dragata all’imboccatura del porto canale dalla Draga Riccione II, hanno già consentito il ripascimento di un primo tratto di 60-70 metri di arenile al confine con Misano Adriatico, sotto lo sguardo di bagnini, passeggiatori e curiosi. Le previsioni meteo-marine per i prossimi giorni sono buone e dovrebbero consentire il proseguimento delle operazioni di ripascimento.

Le prime fasi di avvio dell’impianto hanno dovuto superare qualche piccolo inciampo. Lo sgancio di un raccordo, che ha causato l’interruzione del pompaggio; il risucchio di un frammento di tronco, che ha messo temporaneamente fuori uso i manometri e i sensori di densità piazzati negli snodi della condotta, che nel tratto a Sud del porto raggiunge la lunghezza di 3.300 metri. Con la messa a regime dell’impianto, la densità della miscela di acqua e sabbia è stata gradualmente portata fino al limite massimo del 16-17 per cento, il livello che assicura il massimo risultato in quantità di sabbia trasportata.

Il risultato delle prime ore di funzionamento dell’impianto, tra martedì mattina e mercoledì, è la ricostruzione dei primi 50-70 metri di arenile. Soddisfazione tra i tecnici comunali e il personale di Geat, a cui il Comune e la Regione hanno affidato la gestione operativa del sabbiodotto. “Il sistema sta andando gradualmente a regime, e le prime prove sono persino oltre le aspettative” assicurano i tecnici comunali. I problemi dei giorni scorsi, ora risolti, sono normali in un impianto sperimentale come quello di Riccione, che per la sua lunghezza non ha altri esempi.

Tanto da richiedere la presenza di una stazione di pompaggio supplementare, quella collocata in piazzale San Martino, in aggiunta ai motori della draga comunale. E la messa a regime del sabbiodotto è solo alla fase di avvio. Ci vorranno altri giorni di lavoro per prendere familiarità con l’impianto e mettere a frutto l’esperienza raggiunta sia nella fase di dragaggio in mare che in quella del lavoro di sistemazione a terra. Proseguono, nel frattempo, anche i lavori di dragaggio delle darsene, affidati da Geat al Motopontone “Amedeo” della Cooperativa Braccianti Riminesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento