Fotografa i bambini in spiaggia, presunto pedofilo rischia il linciaggio

Salvato dal personale della polizia di Stato che lo ha portato in Questura, nella sua spy cam 200 immagini compromettenti

Quando si sono accorti che, con una spy cam, stava fotografando i bambini in spiaggia i genitori lo hanno accerchiato cercando di linciarlo. Momenti di tensione sulla battigia riminese, nella mattinata di lunedì, quando poco dopo le 11 un 61enne vicentino ha rischiato di venire picchiato. È stato necessario l'intervento della polizia di Stato con gli agenti che, arrivati sul posto, hanno evitato il peggio. Secondo quanto emerso l'uomo, con una microcamera, si aggirava sulla riva e, il suo modo di fare, ha insospettito i genitori. Quando si sono accorti dell'apparecchiatura elettronica lo hanno accerchiato ma, i militari della Capitaneria di Porto arrivati in spiaggia, hanno evitato il peggio e hanno allertato il personale della polizia di Stato che lo ha portato negli uffici di corso d'Augusto. 

La microcamera è stata sequestrata e, dall'analisi della memoria, sono spuntate 200 foto di bambine che facevano il bagno in mare. Il 61enne, che ha un precedente per aver acquistato su internet delle immagini pedopornografiche, è stato denunciato a piede libero per molestie e il Questore ha emesso a suo carico un foglio di via da Rimini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento