Frode alimentare in un ristorante, scatta il sequestro di 11 chili di tonno Pinna Gialla

A scoprirlo sono stati i militari della Capitaneria di Porto durante un controllo di routine, il titolare denunciato alla Procura della Repubblica

Nella giornata di giovedì i militari della Guardia Costiera di Rimini hanno effettuato una serie di controlli alla filiera della pesca e, in particolare, alla commercializzazione dei prodotti ittici e alla loro vendita nei ristoranti. Il tutto per verificare il rispetto della normativa vigente in materia di pesca, con riferimento alle norme riguardanti la tracciabilità, la conservazione e tutelare il consumatore e garantire uno sfruttamento sostenibile delle risorse ittiche. A finire nei guai è stato un ristoratore nel cui locale, attraverso un controllo incrociato dei documenti presenti, è emerso che anzichè Tonno Rosso (Thunnus Thynnus) fresco, come indicato, veniva posto in vendita Tonno Pinna Gialla (Thunnus Albacares) congelato. In conseguenza di tale comportamento si è proceduto alla denuncia per frode nell’esercizio del commercio del titolare del ristorante presso la Procura della Repubblica e si è provveduto al sequestro di circa 11 kg di Tonno Pinna Gialla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

Torna su
RiminiToday è in caricamento