Furti a raffica nel periodo natalizio, arrestata la banda di topi d'appartamento

I colpi a cavallo tra Marche e Romagna: sono ritenuti responsabili di 6 furti aggravati in concorso e altri 43 avvenuti tra Pesaro, Rimini, Ravenna e Forlì

Finiscono in carcere i ladri di Natale che nello scorso dicembre avevano messo a segno diversi furti in abitazione a cavallo tra le Marche e la Romagna. Questa mattina, su ordinanza del gip Carlo Masini e su richiesta del pm Rosario Lioniello, i carabinieri del Norm di Osimo hanno portato a Montacuto tre albanesi, di 35, 33 e 28 anni già noti alle forze dell'ordine residenti tra le province di Fermo e Perugia, che erano stati arrestati in flagranza lo scorso 29 dicembre nel loro covo di Porto Sant'Elpidio. Sono ritenuti responsabili di 6 furti aggravati in concorso, due dei quali tentati, ma sono indagati anche per altri 43 colpi avvenuti tra Pesaro, Rimini, Ravenna e Forlì, per i quali procedono le rispettive Procure.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto è partito da un colpo in un appartamento vicino alla Statale 16 avvenuto ad Osimo il 9 dicembre, seguito da altri blitz in più province, sempre nella stessa fascia oraria (tra le 17 e le 20) e a breve distanza a piedi da un’abitazione all’altra: i ladri acrobati entravano dal retro, arrampicandosi anche ai piani alti su ringhiere e grondaie. Poi rompevano il vetro o gli infissi e si intrufolavano in casa, con l’accortezza di chiudere dall’interno la porta principale o ostacolare l’ingresso con poltrone, divani e mobili, per evitare di essere disturbati. Tuttavia, in alcuni casi sono entrati anche in presenza dei proprietari. Due dei tre albanesi si trovavano già ai domiciliari e il terzo in carcere, dopo l’arresto in flagranza del 29 dicembre a Porto Sant’Elpidio: erano stati sorpresi dopo aver compiuto due furti a Falconara, mentre a bordo di una Opel Corsa uscivano al casello dell’A14 di Civitanova dopo un inseguimento. Le perquisizioni avevano consentito di recuperare refurtiva e denaro, oltre agli arnesi da scasso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi torna a Rimini, fan scatenati: pioggia di autografi e selfie

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Vede la Polizia e si catapulta fuori dall'auto in corsa: raggiunto dopo un'estenuante fuga per i campi

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento