menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti nelle abitazioni nel Forlivese, due arresti a Bellaria

La coppia è stata arrestata sabato notte a Bellaria dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del comando Provinciale di Forlì-Cesena in collaborazione con i colleghi di Rimini

C’è una banda di albanesi dietro la serie di furti in abitazione commessi nell’ultimo fine settimana nel Forlivese. Due elementi però sono finiti al fresco: si tratta di Astrit Uka, un 24enne non in regola col permesso di soggiorno e già munito di un decreto di espulsione firmato dal Questore di Venezia lo scorso giugno, noto alle forze dell’ordine con svariati alias, e Ervis Aga, 22enne incensurato. Dovranno rispondere davanti al giudice dell’accusa di ricettazione.

Per Astrit si aggiungono anche i reati di inottemperanza al decreto di espulsione e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. La coppia è stata arrestata sabato notte a Bellaria dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del comando Provinciale di Forlì-Cesena in collaborazione con i colleghi di Rimini, Bertinoro, della Compagnia di Meldola e del reparto Cio di Firenze (Compagnia Intervento Operativo), impegnato negli ultimi giorni per contrastare l’emergenza furti nel Forlivese.

Proprio i militari del Cio hanno intercettato venerdì notte a Capocolle di Bertinoro un’Audi A6 ed una A3 muoversi a forte velocità in direzione di Cesena. Alla vista degli uomini dell’Arma le due vetture si sono divise: l’A6 verso Cesena, l’altra verso Bertinoro. I militari si sono posti all’inseguimento di quest’ultima, mentre contemporaneamente si è attivato il dispositivo di ricerca per intercettare l’altra berlina in fuga.

Gli occupanti dell’A3, vendendosi braccati, hanno preferito abbandonare la macchina a Panighina, dileguandosi per i campi, facendo perdere le loro tracce. L’auto è risultata rubata il 21 novembre scorso a Ravenna: all’interno c’erano un mazzo di chiavi, un pc ed un cellulare rubati nelle zone di Bertinoro, Forlì e Cesena. L’A6 è stata invece trovata a Bellaria: era stata rubata la notte stessa in un’abitazione a Fratta Terme.

I malviventi hanno approfittato del sonno dei padroni di casa per portar via denaro, un telefonino, un orologio da donna e delle borse. I Carabinieri hanno atteso che i ladri si avvicinassero all’Audi per catturarli. Aga è stato immediatamente bloccato, mentre Uka è riuscito a darsi inizialmente alla fuga dopo aver aggredito i militari. Ma poco dopo anche lui è stato placcato. La perquisizione domiciliare ha permesso di trovare altra refurtiva, tra cui una chiave usb e un mazzo di chiavi di un’auto.

Uno dei due aveva addosso 1480 euro. Entrambi sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria con l’accusa di ricettazione. Ora si trovavano in carcere a disposizione del pm Bonetti. Sono nel frattempo in corso le indagini per risalire alla responsabilità dei complici, ancora uccel di bosco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento