menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furto all' "In Grande": inseguimento in Adriatica

Lunedì notte alle 2.00 circa, un Carabiniere effettivo a Riccione, mentre transitava, libero dal servizio, sulla Adriatica a bordo dello scooter, all'altezza del supermercato "In Grande", si avvedeva di un tentativo di furto

Lunedì notte alle 2.00 circa, un Carabiniere effettivo a Riccione, mentre transitava, libero dal servizio, sulla Adriatica a bordo dello scooter, all’altezza del supermercato “In Grande”, si avvedeva di un tentativo di furto posto in essere da più persone. Appena accortosi di qualcosa di sospetto, il militare si avvicinava con cautela all’ingresso del market ed intimava l’alt ai tre sconosciuti. I malviventi, vistisi scoperti salivano a bordo di un’Audi A6 SW di colore nero ed iniziavano la fuga. Il Carabiniere, con estrema freddezza, coraggio e professionalità, allertava immediatamente la centrale operativa e, bordo del suo scooter, iniziava l’inseguimento. Grazie quindi alle prime comunicazioni, venivano inviate tutte le pattuglie in turno e giunti alla rotonda delle “Befane”, i malviventi venivano intercettati da una pattuglia della Stazione Rn-Flaminia che si metteva all’inseguimento a sirene spiegate, riuscendo, con molta difficoltà, a tallonare i malviventi fino alla rotonda della “Tolemaide”.

 Lì l’auto dei fuggitivi veniva intercettata da altre due pattuglie, una del Radiomobile e una della Stazione di Bellaria I.M., che proseguivano l’inseguimento nel tratto a doppia corsia della SS 16, nei pressi di Igea Marina. L’Audi, usciva dalla statale per poi immettersi in via Ravenna e, qui, a folle velocità, aumentava il distacco dagli inseguitori. I tre equipaggi, vista la situazione, per evitare di mettere in grave pericolo l’incolumità degli utenti della strada, decidevano di mantenere una condotta di guida misurata, chiedendo ausilio ai Carabinieri della limitrofa provincia di Forlì-Cesena. Alla fine i fuggitivi riuscivano a far perdere le loro tracce, dileguandosi nelle aree più isolate e buie, ma, grazie al provvidenziale intervento del Carabiniere fuori servizio, i malviventi sono rimasti a mani vuote, perchè le casseforti del supermarket non sono state forzate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento