menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gazebo abusivi, scattano i sigilli al bagno 26. Costruzioni mai autorizzate

Sigilli martedì allo stabilimento balneare numero 26 di Marina Centro. Il provvedimento è stato disposto dal giudice Stefania Di Renzo in seguito agli accertamenti svolti dai militari della Guardia di Finanza di Rimini

Sigilli martedì allo stabilimento balneare numero 26 di Marina Centro. Il provvedimento è stato disposto dal giudice Stefania Di Renzo in seguito agli accertamenti svolti dai militari della sezione aeronavale della Guardia di Finanza di Rimini, coordinati dal colonnello Giuseppe Vargiu, e dagli agenti della Squadra amministrativa della Polizia Municipale, in collaborazione con i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia.

IL SEQUESTRO - Il sequestro riguarda un'area di circa 200 metri quadrati. Nel mirino degli investigatori sono finiti i gazebo usati per i tavoli del ristorante e il punto bar. Le strutture considerate abusive sarebbero state smantellate dopo il primo sequestro, che risaliva al settembre del 2009, per poi esser ricostruite nella stessa posizione. I gazebo sono stati fotografati dall'alto dall'elicottero delle Fiamme Gialle.


SANZIONI - Il controllo ha portato alla denunciata dei tre titolari delle licenze e concessioni e di un dipendente “preposto”. Sono state anche elevate sanzioni di 6mila euro circa. Nel mirino degli investigatori è finito anche un lavoratore in nero e il ballo abusivo. Il bagno 26 è tutelato dall'avvocato Luigino Biagini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento