Giornata dei Giusti, Rimini ricorda chi si è opposto ai totalitarismi

Cerimonia con la posa di un mazzo di fiori da parte del Presidente del Consiglio comunale di Rimini, Sara Donati e da Chiara Pintor, Vicario del Prefetto

Si è svolta martedì mattina, in occasione della “Giornata in memoria dei giusti dell'umanità”, la cerimonia con la posa di un mazzo di fiori da parte del Presidente del Consiglio comunale di Rimini, Sara Donati e da Chiara Pintor, Vicario del Prefetto, al monumento del “Giardino dei Giusti” nel parco XXV aprile. Insieme a loro erano presenti le autorità civili e militari, le associazioni e una delegazione di studenti ed insegnanti delle scuole medie “Dante Alighieri” che stanno effettuando un percorso di approfondimento sulla storia e la memoria a Rimini. Gli studenti saranno inoltre ospiti nella sala del Consiglio comunale di Rimini venerdì 9 marzo per un incontro con l'Amministrazione comunale.

“Un momento solenne – ha sottolineato Sara Donati nel salutare gli studenti - che il Comune di Rimini – da anni, ben prima della sua istituzione da parte del Presidente della Repubblica – organizza per commemorare ogni 6 marzo coloro che si sono opposti con responsabilità individuale ai crimini contro l’umanità e ai totalitarismi. Persone giuste che hanno calato nella loro quotidianità l'impegno verso l'uomo, a partire dal lavoro e le attività di ogni giorno, salvando tante vite con il loro coraggio. Persone spesso fuori dai riflettori della storia ma che hanno salvato, anche nella nostra comunità, e reso migliore la vita di molti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento