Il mondo scolastico riminese ha celebrato la Giornata europea dei Giusti

Un momento importante, proclamato nel 2012 dal Parlamento europeo con data 6 marzo, per commemorare coloro che si sono opposti con responsabilità individuale ai crimini contro l'umanità e ai totalitarismi

E’ stata celebrata mercoledì mattina, alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni e del mondo scolastico riminese, la Giornata europea dei Giusti al monumento ubicato nel Giardino dei Giusti nel parco XXV aprile lato ponte di Tiberio. Un momento importante, proclamato nel 2012 dal Parlamento europeo con data 6 marzo, per commemorare coloro che si sono opposti con responsabilità individuale ai crimini contro l'umanità e ai totalitarismi.

C’erano anche i ragazzi della III “B” e della III “E” della scuola media E. Fermi di Viserba, insieme al prefetto Alessandra Camporota, al wuestore Maurizio Improta e alla presidente del Consiglio Comunale Sara Donati, durante la deposizione della corona di fiori ai piedi del monumento  inaugurato dal comune di Rimini il 6 marzo del 2014, per commemorare Ezio Giorgetti e Osman Carugno, nominati Giusti fra le Nazioni da Yad Vashem in Israele ed in ricordo di tutti coloro che tra il 1943 ed il 1944 diedero rifugio e protezione sul territorio riminese e di Montefeltro a 41 ebrei stranieri in fuga dalle deportazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un gesto fondamentale per sottolineare l’importanza della scelta individuale davanti alle tragedie della storia, un tema ampiamente approfondito nel percorso didattico, promosso in collaborazione con l’Aassessorato alla Pubblica Istruzione e la presidenza del Consiglio Comunale e che ambisce a coniugare il passato e il presente, attraverso la chiave della responsabilità individuale come scelta di responsabilità morale e politica ma anche come forma di libertà di pensiero. I destinatari del progetto promosso dall’Istituto comprensivo “Fermi” di Rimini sono stati i ragazzi della scuola media viserbese che, in tre distinte occasioni formative, hanno incontrato nella loro aula: Patrizia Di Luca, responsabile Centro di Ricerca sull’Emigrazione (Università degli Studi della Repubblica di San Marino); Daniele Susini, educatore ed esperto di didattica della storia, Associazione Storia per Tutti e Sara Donati, Presidente del Consiglio Comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento