menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata nera per i bagnanti, tre morti sulle coste riminesi

In tutti i casi si è trattato di un malore che ha colpito le vittime mentre stavano camminando in pochi centimetri di acqua

Giornata nera per i bagnanti con tre turisti morti sulle coste riminesi. In tutti i casi, a stroncare le vittime è stato un malore che li ha colpiti mentre stavano camminando a poca distanza dalla riva. Il primo a perdere la vita è stato un turista tedesco di 60 anni che, martedì mattina, si trovava nello specchio d'acqua davanti a Torre Pedrera. A notare il bagnante in difficoltà è stato il bagnino di salvataggio che è intervenuto riportandolo a riva e iniziando le manovre di primo soccorso mentre, sul posto, è stato richiesto l'intervento del personale del 118. Nonostante tutti gli sforzi congiunti, però, il cuore del tedesco non è ripartito e il medico non ha potuto far altro che dichiararne il decesso.

Situazione analoga a Igea Marina dove, a perdere la vita, è stata una turista italiana 83enne. La donna, intorno alle 10.30, stava passeggiando sulla battigia quando si è accasciata in pochi centrimetri d'acqua. Anche in questo caso è stata soccorsa dai bagnini, che hanno dato l'allarme al 118, ma nonostante tutte le manovre per cercare di rianimarla anche in questo caso il medico non ha potuto far altro che dichiararne il decesso.

Sempre a Igea Marina, intorno alle 17, un altro morto all’altezza del bagno 69. L'uomo, 72 anni, era un turista milanese, arrivato in mattinata in riviera, cardiopatico, pensionato, ha avuto un malore mentre faceva il bagno poco distante dalla riva. Il bagnino l'ha soccorso, ma ogni tentativo di salvarlo è stato inutile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ritenzione idrica: come eliminarla in poche mosse

Ristrutturare

Come trasformare una finestra in un balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento