Giuda in stato di ebbrezza, la pena si sconta lavorando per il Comune di Santarcangelo

Attualmente sono tre le persone che stanno svolgendo lavori socialmente utili quale pena alternativa alla condanna per guida in stato di ebbrezza

La Giunta comunale ha rinnovato la convenzione triennale con il Tribunale di Rimini per lo svolgimento di lavori di pubblica utilità presso il Comune di Santarcangelo quale pena sostitutiva per guida in stato di ebbrezza. Su richiesta dell’imputato l’attività non retribuita in favore della collettività sarà svolta in conformità di quanto disposto nella sentenza nella quale il giudice indica il tipo e la durata del lavoro di pubblica utilità.

L’Amministrazione comunale potrà ospitare fino a dieci persone alla volta destinate a svolgere lavori di pubblica utilità a favore di disabili, malati, anziani, nonché per manutenzione e cura del patrimonio pubblico, compresi parchi e giardini. Infine, la pena potrà essere scontata prestando servizio anche presso i musei e la biblioteca oltre che in altri settori sulla base della specifica professionalità. Attualmente sono tre le persone che stanno svolgendo lavori socialmente utili quale pena alternativa alla condanna per guida in stato di ebbrezza.

“Abbiamo deciso di rinnovare la convenzione con il Tribunale di Rimini per lo svolgimento dei lavori di pubblica utilità perché in questo modo alla condanna viene attribuita una funzione riabilitativa e non solo punitiva”, afferma l’assessore ai Servizi sociali, Danilo Rinaldi. “Grazie alla precedente convenzione stipulata nell’aprile del 2011 – aggiunge l’assessore – sono state 63 le persone che hanno chiesto al Tribunale di Rimini di scontare la pena presso il Comune di Santarcangelo. La maggior parte di queste, 42 per l’esattezza, è stata impiegata presso la squadra operai (manutenzioni varie, cura del verde, ecc.), in 8 hanno prestato servizio alla biblioteca Baldini, mentre 5 sono state impiegate presso l’anagrafe. Infine 4 hanno svolto i lavori di pubblica utilità presso i Servizi sociali, 2 al Servizio scuola per l’attraversamento stradale e 2 presso l’Urp. Complessivamente le ore di lavoro di pubblica utilità prestate a favore della comunità santarcangiolese nel triennio 2011/2014 sono risultate 6.730”.

Delle 63 persone che hanno prestato servizi di pubblica utilità nel triennio precedente, 10 sono donne e 53 uomini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

Torna su
RiminiToday è in caricamento