Cronaca

Giulietta Masina al centro della terza edizione de La Settima Arte Cinema e Industria

Un ritratto della Masina, realizzato da Angelo Frontoni e conservato all’Archivio Fotografico della Cineteca Nazionale – CSC, che vuole introdurre all’edizione 2021 della festa del cinema con l’obiettivo di guardare con fiducia al futuro

 Una Giulietta Masina affascinante e sorridente è l’immagine del manifesto della terza edizione de La Settima Arte Cinema e Industria, la festa del cinema di Rimini e della Romagna organizzata da Confindustria Romagna, Cinema Fulgor, Università degli Studi di Bologna - Dipartimento Scienze per la Qualità della Vita di Rimini e Dipartimento delle Arti, con la collaborazione del Comune di Rimini. Un ritratto della Masina, realizzato da Angelo Frontoni e conservato all’Archivio Fotografico della Cineteca Nazionale – CSC, che vuole introdurre all’edizione 2021 della festa del cinema con l’obiettivo di guardare con fiducia al futuro, credendo fortemente nella ripartenza e nel rilancio del settore dell’industria cinematografica.  

Dall’1 al 3 ottobre, La Settima Arte Cinema e Industria porterà a Rimini tre giorni di appuntamenti, tutti a ingresso gratuito e organizzati nel rispetto dei protocolli per la prevenzione del coronavirus. In programma, proiezioni, masterclass, performance, incontri e momenti formativi, e la cerimonia conclusiva di consegna del premio “Cinema e Industria” i cui vincitori saranno scelti dalla giuria presieduta dal regista Pupi Avati. Anche in occasione dell’apertura del Fellini Museum, appena inaugurato a Rimini, la festa del cinema dedicherà ampio spazio al ricordo del regista riminese, alla sua arte e al suo genio, e in particolare alla figura di Giulietta Masina, nel centenario della sua nascita, per ricordarla come grande professionista dell’industria del cinema.  

“Il manifesto dell’edizione 2021 – spiegano gli organizzatori – vuole essere un omaggio a una grande donna e a una grande interprete che con il suo talento e valore ha contribuito al successo del cinema italiano nel mondo grazie ad interpretazioni che hanno segnato la storia della settima arte. Il momento che stiamo vivendo è ancora molto delicato, soprattutto per il settore fra i maggiormente colpiti dalla pandemia di Coronavirus, ma dalla Romagna vogliamo mandare un messaggio di speranza e fiducia nella convinzione che l’industria del cinema continuerà sempre a produrre e fare sognare”.  

Fra le novità della terza edizione il riconoscimento “Valpharma per il cinema”, dedicato alla memoria dell’imprenditore Roberto Valducci ed indirizzato alle donne che lavorano nelle seguenti categorie dell’industria: produzione, distribuzione, mestieri tecnico-artistici (il bando su www.lasettimarte.it).  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giulietta Masina al centro della terza edizione de La Settima Arte Cinema e Industria

RiminiToday è in caricamento