rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

"Gli restano solo 5 settimane di vita", anche Rimini si mobilita per il piccolo Alessandro Maria

Affetto da una rara e gravissima malattia, solo un trapianto di midollo osseo può salvare il bambino

"Ciao a tutti, mi chiamo Alessandro Maria e ho compiuto 1 anno e mezzo da pochi giorni. Pensa, ho iniziato a far disperare i miei genitori fin da subito visto che sono nato alla settimana n. 30 e, sebbene i dottori mi avessero già dato per spacciato, ho combattuto come un ariete (il mio segno zodiacale) contro una serie infinita di complicazioni per essere ancora qua”. Inizia così il post condiviso su Facebook dai genitori del piccolo Alessandro, un bimbo affetto da una malattia genetica rarissima che non lascia speranze di vita senza un trapianto. L'unica possibilità per il piccolo - che con i suoi genitori italiani vive a Londra - è trovare qualcuno che possa donargli il midollo osseo. 

La malattia del piccolo Alessandro si è manifestata quasi subito: “Quando le cose stavano finalmente andando un po' meglio ed ero felice nel trascorrere la mia prima vacanza al mare con mamma e papà, purtroppo ho iniziato a star male di nuovo. Mamma e papà mi hanno riportato subito a Londra, dove sono nato e dove viviamo, per i dovuti accertamenti. Dopo quasi due settimane con la febbre alta a più di quaranta ed una serie interminabile di esami in ben 3 ospedali diversi dove sono stato ricoverato, finalmente i medici hanno scoperto cosa avevo".

Alessandro ha un anno e mezzo. E' nato prematuro a 30 settimane e ha una grave malattia genetica che colpisce appena lo 0,002% della popolazione. Ha bisogno di un trapianto di midollo osseo con un donatore compatibile in tempi brevissimi e l'appello lanciato dai genitori sta già facendo il giro del web e non solo. Proprio per riuscire a trovare un donatore compatibile con il piccolo che, questo fine settimana, l'Admo aprirà le sue porte per effettuare le analisi necessarie a trovare un donatore di midollo osseo. È necessaria solamente l’analisi di una piccola goccia di sangue o di saliva per ricavare il Profilo Donatore ed essere aggiunti al Registro che può salvare la vita a tante persone come Alessandro. Anche Rimini si è mobilitataper tentare di salvare la vita al piccolo Alessandro e, sabato pomeriggio presso la sede dell'Avis all'ospedale "Infermi" verranno effettutati i test per i donatori di midollo osseo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gli restano solo 5 settimane di vita", anche Rimini si mobilita per il piccolo Alessandro Maria

RiminiToday è in caricamento