Gnassi: "La Molo Street un successo, uno dei festival più di appeal d’Europa"

Dodici ore di musica con 200 mila persone che, secondo gli organizzatori, si sono ‘date il cambio’ durante questo lunghissimo debutto dell’estate italiana

Fedez capitano della Molo Street Parade dei record. Dal sold out di San Siro alla folla oceanica di Rimini: è andata in onda l’edizione migliore di sempre della parata musicale sul porto canale. “Rimini pubblico incredibile”: ha detto il rapper milanese che durante il suo show ha voluto immortalare la scena unica e mozzafiato per scattarsi una foto davanti a migliaia di fan accorsi da tutta Italia. Difficile ricordare tanto entusiasmo, soprattutto dei giovani e giovanissimi. E infatti, quando poco prima di mezzanotte Fedez arriva sulla consolle galleggiante del peschereccio ‘Aquila Marina’, l’atmosfera di festa va ben oltre i contorni del dj set en plein air, per trasformarsi in un vero e proprio showcase davanti a una folla festante. Dopo Skin e Boy George, Taboo, Ellen Allien e Fabri Fibra, il rapper milanese al timone della Molo di questa settima edizione ha raggiunto un successo di pubblico senza precedenti. Una notte internazionale, che ha visto protagonisti giovani, giovanissimi, famiglie, riminesi, turisti italiani e stranieri uniti, lungo un chilometro di musica, in una marea umana che si è ingrossata di ora in ora. Partita a mezzogiorno sulla spiaggia con la Holi Dance Festival per raggiungere il culmine alle ore 23,30 quando sono stati occupati tutti gli spazi disponibili, sia lungo la destra del porto - dal bar Iole al Rockisland - sia sul Lungomare, da Piazzale Boscovich a piazzale Fellini, che sulla spiaggia libera.

Dodici ore di musica, tutto esaurito continuo, 200 mila persone che, secondo gli organizzatori, si sono ‘date il cambio’ durante questo lunghissimo debutto dell’estate italiana, 120mila metri quadrati di festa per una serata all’insegna dell’energia musicale in uno scenario unico, in piena sicurezza, nella cornice di un modello di ‘safety’ e ‘security’ già collaudato e adottato negli anni precedenti, ma ulteriormente rafforzato da un dispiegamento di forze di sicurezza, steward e di modelli organizzativi senza precedenti. Nulla è stato lasciato al caso, l’intero quadrante di città chiuso e delimitato da barriere ha tenuto fuori venditori abusivi e vetri. Il dispiegamento di forze dell’ordine ha garantito meticolosi controlli, sia dalla ‘torre di controllo’ alta otto metri allestita vicino alla casa dei matrimoni, sia ai varchi di accesso e alle vie di fuga.

Molo Street Parade, attacchi al peperoncino sulla folla e varchi "sfondati"

“Un evento straordinario e unico – commenta il Sindaco Andrea Gnassi – che riesce sempre a sorprendere e a mantenere altissimo un ‘clima internazionale’. Ormai la Molo Street Parade è accreditata come uno dei festival più di appeal d’Europa. Rimini c’è, non ha paura, non si chiude, ma risponde alla crisi rilanciando, mettendo in campo proposte nuove, che provano ad interpretare una società che cambia nei gusti e nelle modalità di fruizione del divertimento e dell'offerta turistica. Da Rimini lanciamo un messaggio preciso al Paese: la voglia di stare assieme è qui, a mangiare un piatto realizzato dal migliore chef del mondo, a ballare con i migliori deejay e con l’icona rap per milioni di fan e follower. E questa voglia è superiore a ogni paura. Dopo 7 anni il matrimonio fra la Molo Street Parade e la città è più forte che mai, capace di sconfiggere ogni crisi, anche grazie ad un dispositivo di sicurezza unico nel panorama nazionale. Con la Molo entra nel vivo la stagione dei grandi eventi estivi. Rimini propone dei contenuti che creano emozioni: siamo partiti con Al Meni, ieri la Molo, la prossima settimana sarà la volta della Notte Rosa con un’altra star internazionale come Alvaro Soler. Tre settimane strepitose, un poker d’assi in cui ad essere protagonista è il genius loci. Particolare ringraziamento va al Prefetto, al Questore e a tutte le forze dell’ordine, Carabinieri, Capitaneria, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Municipale di Rimini che hanno saputo coordinare un modello operativo unico nel panorama nazionale”.

Dopo l’anteprima sulla spiaggia a base di musica e lanci di colori con la Holi Dance Festival, dal tramonto ha preso il via la vera e propria parata musicale dai dieci pescherecci trasformati in grandi ‘consolle’ galleggianti su cui si sono alternati 80 djs, in un crescendo di ritmo in uno degli scenari più suggestivi di Rimini. Un evento cresciuto, anno dopo anno, grazie al suo mix di radici e identità unite ad un programma artistico all’insegna dell’equilibrio tra ricerca di sonorità contemporanee e pop, guest star e musica live, capace di attraversare un tappeto musicale fra generi diversi. Variegata e di grandissima qualità la ‘line up’ di questa settima edizione. Marco Faraone, tra i nomi più brillanti della techno internazionale, dopo l’esibizione al Tomorrowland 2017 e i suoi showcase nei club di Ibiza, è sbarcato alla Molo 2018 assieme al dj più giovane al mondo Federico Gardenghi reduce, a soli 14 anni, da un anno che lo ha visto salire su 52 aerei per volare verso le sue esibizioni, Hugo Bianco, direttamente da Miami, Jp Candela, un’icona della scena house spagnola, Rame, dallo storico collettivo bolognese Pastaboys, Provenzano, tra i migliori esponenti della dance music italiana, Rudeejay che lo scorso anno, ha vinto l’Italian Dance Music Awards, la crew latino-americana dei dj del Gran Caribe. Insieme a loro altre decine di deejay scelti dai club più rinomati della ‘movida’ si sono alternati al mixer. Alle 23,45 tutti davanti al peschereccio Aquila Marina per l’arrivo di Fedez. Il rapper milanese, l’artista italiano del momento che ha letteralmente colonizzato le scalette radiofoniche, dopo il sold out di San Siro è sbarcato alla Molo Street Parade sulle note di ‘Generazione Boh’ con il suo rap irriverente, un fenomeno mediatico alimentato anche dal web, dove ha trovato terreno fertile con una diffusione virale senza precedenti. Dopo i primi pezzi alla consolle, Fedez si è tolto la canotta ed è sceso sul palco allestito sulla banchina, davanti al peschereccio del Coconuts, cantando i pezzi che hanno fatto da colonna sonora alle ultime estati, all’unisono con il pubblico che lo acclamava, fra gli effetti speciali di potenti ledwall e fasci di luce. Il momento clou di una festa musicale durata 12 ore che ha visto più volte la Molo miscelare tipologia di pubblico e di sonorità e ‘cambiare pelle’, a conferma della natura realmente popolare dell'evento.

L’Amministrazione Comunale ringrazia tutti i protagonisti che hanno contribuito alla riuscita dell’evento. Un grazie speciale alle forze dell’ordine, ai volontari della Croce Rossa che hanno reso possibile questo successo col loro impegno e la puntuale attività di prevenzione e vigilanza: Prefetto, Polizia di Stato, Carabinieri, Capitaneria, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Polizia Municipale. Rimini ha saputo mettere in campo attenzione, competenza, conoscenze, esperienza e il necessario coinvolgimento con i privati organizzatori e con i pescatori di Rimini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento