Grassi: "Se non cambiano condizioni economiche il Rimini non sarà iscritto al prossimo campionato"

Lettera del patron biancorosso al presidente della Lega Ghirelli: "La Serie C non può essere solo un problema di noi presidenti ma di tutto il calcio italiano"

Lettera aperta del patron del Rimini Calcio, Giorgio Grassi, al presidente della Lega Francesco Ghirelli nella quale prendendo spunto dai problemi economici annucia che, in caso la situazione dovesse rimanere tale, "il Rimini F. C. non verrà iscritto al prossimo campionato". Il presidente biancorosso, oltre ad appoggiare la linea di Ghirelli sul posticipare di un quarto d'ora l'inizio delle gare di campionato dello scorso fine settimana esprime "appoggio a qualsiasi altra iniziativa tu andrai ad adottare, compresa la 'serrata' annunciata in occasione della prossima giornata di campionato, la prima del girone di ritorno".

"Le condizioni in cui siamo costretti a operare - prosegue Grassi - hanno superato abbondantemente il livello di guardia, lavoriamo perennemente in perdita e all'orizzonte non vediamo iniziative che possano portare anche lontanamente a sostenere gli investimenti che siamo chiamati a fare. Ci siamo incontrati l'ultima volta a Torino, in occasione del convegno sulle seconde squadre, e in quell'occasione richiamasti con forza l'attenzione della Figc sull'importanza della formazione. Dicesti testualmente che noi come Lega avremmo fatta la stessa, alla Federazione sarebbe però spettato il compito di finanziarla. Nella realtà questo non è avvenuto nella misura necessaria. Giocare o non giocare non arrichisce il portafoglio delle nostre società perchè, come ben sai, nella maggioranza dei casi le spese vive, quali ad esempio quelle legate all'affitto degli stadi e alla gestione della sicurezza, superano di gran lunga i magri ricavi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' tempo di agire con fermezza - conclude il patron del Rimini - dobbiamo fermarci e riflettere perchè la Serie C non può essere solo un problema di noi presidenti ma di tutto il calcio italiano. Lo dico con estremo rammarico ma se non cambieranno radicalmente le condizioni il Rimini F. C. non verrà iscritto al prossimo campionato. Dobbiamo portare a casa una defiscalizzazione vera, una riduzione sostanziale dei costi della contribuzione e risorse per fare investimenti, anche attraverso il credito di imposta, sui nostri istruttori e sull'impiantistica. Come Rimini F. C. avrai tutto il nostro appoggio e siamo pronti a qualsiasi iniziativa verrà portata avanti per la sopravvivenza dell'intero movimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento