menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grave infortunio durante l'arrampicata, alpinista salvato dal Soccorso Alpino

Vasta operazione nel pomeriggio di giovedì per portare in salvo l'escursionista rimasto gravemente ferito

Pomeriggio di paura per un giovane alpinista pesarese salvato, dal Soccorso Alpino, dopo essere rimasto gravemente ferito durante un'arrampicata.  L'uomo, residente in provincia di Rimini, si trovava con tre amici, intento a scalare la parete della rocca di Maioletto. Per cause ancora da chiarire, l'alpinista è caduto compiendo un volo circa dieci metri, arrivando alla base della falesia. Resisi subito conto della situazione, i compagni hanno avvisato i soccorsi. L'allarme è scattato verso le 17: è intervenuta la squadra terrestre dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Novafeltria con un automezzo pesante denominato APS (Auto Pompa Serbatoio) e con un mezzo fuoristrada. Vista la zona impervia la squadra di Novafeltria ha richiesto, attraverso la Sala Operativa del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Rimimi, l'immediato intervento dell'Elicottero “Drago 60” alzatosi in volo dalla base di Bologna. Dopo circa 35 minuti il velivolo era sul posto, e provvedeva a sbarcare, tramite il verricello il personale SAF (Speleo Alpino Fluviale) che ha provveduto a stabilizzare l'infortunato.

In considerazione dell’ambiente particolarmente impervio, essendo molto difficoltoso il trasporto per via terrestre dell’infortunato, si è deciso per il trasporto aereo. Il ferito è stato pertanto issato sul elicottero unitamente al Saf. Tale recupero, è stato compiuto con il velivolo stazionato in hovering (una particolare tecnica, molto difficoltosa che consente di mantenere l’elicottero in volo ad altitudine costante e immobile su di un punto fisso), mettendo in atto una manovra al verricello con grado di difficoltà elevato, il tutto complicato dalla scarsa illuminazione del crepuscolo. In pochi minuti il ferito è stato consegnato ai sanitari, e l'elicottero AB 412 dei Vigili del Fuoco "Drago 60" ha fatto rientro alla base in modalità volo notturno. Da notare che “Drago 60” è un elicottero in dotazione ai Vigili del Fuoco di proprietà dello stato ed è l’unico velivolo appartenente a un corpo non militare dello Stato abilitato al volo notturno nella Regione Emilia Romagna. Lo scalatore, che ha riportato un trauma cranico, è stato poi trasferito al "Bufalini" di Cesena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ritenzione idrica: come eliminarla in poche mosse

Ristrutturare

Come trasformare una finestra in un balcone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento