"Grigliata" al sapore di Foresta Amazzonica, manifestazione di Greenpeace contro i roghi in Sudamerica

In Piazzale Cesare Battisti a Rimini, su un vero e proprio barbecue, hanno finto di grigliare rami e foglie secche, a simboleggiare la foresta che viene lasciata bruciare

Sabato mattina, nella giornata che il Brasile dedica all’Amazzonia, i volontari di Greenpeace hanno allestito in 14 città italiane e numerose
piazze europee attività volte a sensibilizzare le persone sul legame tra incendi nella foresta amazzonica e il consumo di carne in Europa. In Piazzale Cesare Battisti a Rimini, su un vero e proprio barbecue, hanno finto di grigliare rami e foglie secche, a simboleggiare la foresta che viene lasciata bruciare per gli interessi dell’agroindustria, invitando i passanti a scoprire lo speciale menù “al sapore di deforestazione” e a consultare il materiale informativo direttamente dal proprio smartphone tramite QR code.

Spiega una nota: "La richiesta di nuovi terreni per i pascoli e per la produzione di mangime a basso costo destinato anche ai nostri allevamenti intensivi è la spinta maggiore a incendi e deforestazione. Nella maggior parte dei casi, infatti, gli incendi in Amazzonia - e in numerose altre foreste dell’America Latina – vengono innescati deliberatamente per gli interessi dell’agroindustria". "Quello che accade in Amazzonia riguarda anche l’Europa e il nostro Paese. Se è vero che il governo Bolsonaro non ha agito per difendere la foresta, anche l’Europa ha le sue responsabilità: l’Unione europea sta discutendo l’approvazione del Mercosur, un accordo commerciale con Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay. Se approvato, creerebbe un quadro giuridico ed economico destinato ad aumentare il commercio - e quindi la produzione e il consumo - di carne, mangimi e altri prodotti già fortemente legati alla distruzione dell’Amazzonia, alla crisi climatica in corso e alla violazione dei diritti umani” spiega Martina Borghi, campagna foreste Greenpeace Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra il luglio 2019 e il giugno 2020 l’Italia ha importato dal Brasile oltre 25.000 tonnellate di carne, più di ogni altro paese dell’Unione europea, mentre nel 2019 è stato fra i primi 10 importatori di soia brasiliana dell’Unione. Secondo i più recenti dati diffusi dall’Istituto brasiliano di ricerche spaziali (INPE) ad agosto in Amazzonia sono stati registrati 29.308 incendi, il secondo valore più alto negli ultimi 10 anni, e lo stato di Amazonas ha registrato il più elevato numero di incendi della sua storia: oltre 8.000. A causa di problemi tecnici del satellite NASA registrati a metà
agosto, i dati potrebbero essere addirittura incompleti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento