Hera: ultima tappa per l'info point itinerante per la promozione della raccolta dell’olio alimentare

Viserba di Rimini è l’ultima tappa della campagna di sensibilizzazione per informare i cittadini su come conferire l'olio alimentare esausto. La multiutility ha inoltre potenziato il servizio e consegnato al territorio 50 ulteriori contenitori

Si conclude lunedì 12 novembre a Viserba di Rimini il viaggio dell’info-point di Hera per informare i cittadini sull’importanza della raccolta dell’olio alimentare esausto.  Dopo aver fatto tappa in ben 13 piazze della provincia (San Clemente, Saludecio, Montegridolfo, Mondaino, San Giovanni in Marignano, Coriano, Santarcangelo, Verucchio, Bellaria-Igea Marina, Cattolica, Riccione, Misano e Rimini Centro), il tour dell’info-point itinerante si chiude a Viserba di Rimini.

Il progetto è nato con l’intento di incrementare ulteriormente la raccolta differenziata di questo rifiuto altamente inquinante ed informare i cittadini sui benefici ambientali che derivano dal suo corretto smaltimento. Hera, in collaborazione con Adriatica Oli, ha lanciato così una specifica campagna informativa itinerante che, grazie ad un furgone brandizzato e facilmente riconoscibile ha percorso tutta la provincia.

Ultima tappa: Viserba di Rimini

Lunedì 12 novembre, il furgone che avrà raggiunto complessivamente 14 piazze della provincia, si fermerà in Piazzale Cesare Zavattini (di fronte alle scuole) a Viserba di Rimini dalle 9.00 alle 13.00 per dare la possibilità ai cittadini di ricevere informazioni su come e dove conferire l’olio, ricevere consigli e delucidazioni. Tutti i cittadini riceveranno anche dei gadget che Hera ed Adriatica oli mettono a disposizione per l’occasione. Oltre alla campagna informativa, l’impegno di Hera per la raccolta degli oli alimentari esausti è attivo anche sul piano operativo. La multiutility, ha già infatti posizionato altri 50 contenitori dedicati alla raccolta di questo materiale. I nuovi contenitori sono stati collocati in varie città della provincia e si sono aggiunti agli altri 33 che erano già a disposizione dei cittadini.

Come raccogliere gli oli alimentari

L’olio non va versato direttamente nel contenitore ma deve essere conferito all’interno di normali bottiglie o flaconi in plastica, chiusi con il loro tappo. L'olio alimentare esausto può essere sempre conferito anche presso le stazioni ecologiche di Hera presenti sul territorio.

Un rifiuto altamente inquinante può diventare una risorsa
Lo scarto dei comuni oli vegetali da cucina costituisce un rifiuto con potere altamente inquinante, in particolare se smaltito attraverso gli scarichi domestici e la rete fognaria. Un Kg di olio vegetale esausto può distribuirsi fino a ricoprire una superficie di 1000 mq, inoltre la depurazione delle acque inquinate da olio richiede costi energetici di trattamento fino a 3kWh per ogni Kg impropriamente smaltito, oltre ai costi medi per la manutenzione degli impianti di depurazione. Hera, una volta raccolti gli oli alimentari esausti, li avvia a recupero prevalentemente per la produzione di energia in impianti di cogenerazione oppure per la produzione di biodiesel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento