Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

I carabinieri della provincia di Rimini celebrano la loro Patrona

I militari ricordano la Virgo Fidelis e la seconda medaglia d’oro al valor militare alla Bandiera dell’Arma

Il 21 novembre 2017, in Rimini, presso la Chiesa del Suffragio sita in Piazza Luigi Ferrari n. 12, alle ore 17:30, il Comando Provinciale dei Carabinieri di Rimini ha celebrato la ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri dall’8 dicembre 1949, allorquando Sua Santità Pio XII,  su istanza di Monsignor Carlo Alberto di Cavallerleone, Ordinario Militare d’Italia, la proclamò ufficialmente “Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri”. Alla celebrazione, officiata da Monsignor Agostino Pasquini, sono intervenute le massime autorità civili, religiose e militari locali tra cui: il Prefetto dott.ssa Gabriella Tramonti; il vice Prefetto Vicario dott.ssa Chiara Pintor; il Questore dott. Maurizio Improta; il vice Sindaco di Rimini Gloria Lisi; i comandanti Provinciali della Guardia di Finanza, Col. Antonio Giuseppe Garaglio, della Capitaneria di Porto, Cap. Freg. Fabio Di Cecco e dei Vigili del Fuoco di Rimini Ing. Pietro Vincenzo Raschillà; una rappresentanza dei Comandanti di Stazione e dei Marescialli, Brigadieri e Appuntati e Carabinieri di tutta la Provincia di Rimini; una rappresentanza delle Associazioni Nazionali Carabinieri in congedo di Rimini; nonché Cola Simona, vedova dell’App. Sc. Alessandro Giorgioni e Santina Isgrò, vedova del Brig. Giovanni Mancuso.

Il rito religioso è stato accompagnato magistralmente dai canti liturgici del coro polifonico “Malatesta da Verucchio”, èd stato commemorato il 76° anniversario della “Battaglia di Culqualber”, glorioso fatto d’armi durante la seconda guerra mondiale e celebrata la “Giornata dell’Orfano” a sostegno dei tanti figli di militari dell’Arma caduti. Al termine della cerimonia liturgica il Tenente Colonnello Giuseppe Sportelli, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Rimini ha rivolto un saluto di ringraziamento alle numerose  Autorità intervenute, un caloroso ringraziamento al Monsignor Agostino Pasquini e a tutti i presenti. 

Nella mattinata di martedì alla Cattedrale di Pennabilli, i Carabinieri della Compagnia di Novafeltria hanno celebrato la “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dei Carabinieri. La celebrazione, officiata da Don Elio Ciccioni - Vicario di S.E. Rev.ma Mons. Andrea Turazzi, Vescovo della Diocesi San Marino – Montefeltro – è stata concelebrata da Don Pier Luigi, parroco di Pennabilli. Alla cerimonia erano presenti tutti i  Sindaci e loro rappresentanti della Valmarecchia, a testimonianza della vicinanza della popolazione “ai suoi carabinieri”, come sottolineato dal Capitano Silvia Guerrini Comandante della Compagnia, che nel corso della celebrazione ha ringraziato anche Mons. Ciccioni per la sua omelia “molto accurata” in cui egli aveva sottolineato come sia prerogativa dei Carabinieri “servire con la gioia di aver fatto il proprio dovere”. L’Ufficiale, rivolgendosi a tutti i militari presenti, provenienti dai cinque Comandi Stazione dipendenti dalla Compagnia, a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile e della locale Sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri, ha ricordato come sia fondamentale mantenere alta l’attenzione e la concentrazione durante il servizio in un territorio così “bello e sostanzialmente tranquillo” come quello della Valle, in cui si è però consumato, nel 2004, l’omicidio efferato dell’App.S. Alessandro Giorgioni Medaglia d’Oro al Valore dell’Arma, proprio in un “normale” intervento, nella località di Pereto di Sant’Agata Feltria, ed  ha poi dato lettura della solenne motivazione con cui è stata riconosciuta la seconda medaglia d’oro al valor militare alla Bandiera dell’Arma.

Per la battaglia di Culqualber, località nell’Africa orientale, nel 1941: l’ eroico sacrificio dei carabinieri del I Battaglione Carabinieri e zaptié mobilitato, immolatisi per la Patria, combattendo fino all’ultimo uomo contro “un soverchiante nemico” ed ottenendo così, per il valore dimostrato, “l’onore delle armi”.  La “preghiera del Carabiniere” ed uno splendido coro hanno poi concluso la santa messa. Con la “Virgo Fidelis” l’Arma celebra anche la “Giornata dell’Orfano” che rappresenta per i Carabinieri attraverso l’ONAOMAC (Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma carabinieri), un concreto momento di vicinanza alle famiglie dei colleghi scomparsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I carabinieri della provincia di Rimini celebrano la loro Patrona

RiminiToday è in caricamento