I delivery della droga consegnavano a domicilio o a scuola, arrestati due spacciatori

Appena 20enni gestivano una fiorente attività di spaccio tra i giovanissimi riminesi, gli ordini arrivavano via Whatsapp

Gestivano un giro di spaccio di marijuana che coinvolgeva anche giovanissimi i due ragazzi, di 20 e 19 anni, per i quali questa mattina è scattata l’ordinanza di custodia cautelare. L’attività è venuta alla luce al termine di un’attività di indagine coordinata dal sostituto procuratore Paola Bonetti e condotta dalla squadra di Polizia Giudiziaria e del reparto mobile della Polizia Locale di Rimini, con l'ausilio dell'unità cinofila. Tutto comincia il 16 dicembre scorso quando il personale della Polizia Locale ferma i due giovani, un 19enne cittadino ucraino e un 20enne italiano, con l’accusa di spaccio. Durante la perquisizione a casa, gli agenti rinvengono 20 grammi di sostanze stupefacenti (marijuana), un bilancino, il materiali per il confezionamento delle dosi e 520 euro, riconducibili a proventi dell’attività di spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Polizia Locale ha quindi proseguito nelle indagini, acquisendo i telefoni utilizzati dai due giovani. Analizzando i tabulati e gli scambi di messaggi su whatsapp sono emersi contatti frequenti, più volte al giorno, con una ventina di ragazzi e ragazze, anche minorenni, che una volta ascoltati dagli agenti hanno rivelato di aver acquistato dosi di marijuana dai due giovani, che spesso consegnavano le dosi direttamente a casa degli acquirenti o vicino scuola. Si è stimata un'attività di spaccio attorno ai 200 grammi a settimana. Le chat di whatsapp sono state acquisite dalla Polizia di giudiziaria e questa mattina dopo la nuova perquisione (che ha portato al sequestro di alcuni grammi di marijuana in possesso a uno dei due giovani) il Gip Benedetta Vitolo ha firmato l’ordinanza con la quale si dispone la custodia cautelare a domicilio, con obbligo di firma in caserma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Vede la Polizia e si catapulta fuori dall'auto in corsa: raggiunto dopo un'estenuante fuga per i campi

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

  • Renzo Piano firma The Cube a Londra e l'edificio "parla" riminese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento