I giovani colorano la città: assegnati gli spazi per i giovani writers riminesi

“L’arte di strada finalmente trova anche a Rimini il giusto riconoscimento e assume il valore artistico e culturale che merita", ha detto l’assessore alle Politiche giovanili Sara Visintin

Sarà il sottopasso di via Parigi a Miramare il luogo in cui i giovani writers riminesi potranno iniziare a dar sfogo della propria passione artistica cominciando la realizzazione del graffito sulle mura perimetrali della struttura. “L’arte di strada finalmente trova anche a Rimini il giusto riconoscimento e assume il valore artistico e culturale che merita – ha detto l’assessore alle Politiche giovanili Sara Visintin -. Si è trattato di un lavoro lungo che ha voluto puntare su un regolamento snello e aperto proprio perché la street art non può essere bloccata nella sua libera espressione.

L’amministrazione è riuscita però nell’intento di definire gli spazi liberi e autogestiti dagli stessi writers (i muri palestra) e gli spazi che trovandosi in zone particolari come parchi o centro storico dovranno sottostare a regole di tematizzazione o colore e che saranno affidate e valutate assieme all’amministrazione comunale.”“Il regolamento è maturato da un confronto con gli stessi writers – ha proseguito l’assessore Visintin - in seguito ad una loro proposta. Un percorso importante che ci ha permesso di conoscere linguaggi e pratiche artistiche spesso poco conosciute e qualificate come imbrattamenti. Invece anche la città può diventare essa stessa una tela dove sperimentare e produrre arte visiva. Nella riqualificazione urbana e nella riconversione dell’esistente il writing acquisisce un ruolo centrale che vogliamo promuovere anche a Rimini, come già avviene in molte altre città. Partire dai giovani, dal loro coinvolgimento per ridisegnare spazi spesso abbandonati e grigi è stato l’obiettivo che ci ha mosso con un progetto che ha consentito, anche attraverso momenti formativi presso i nostri centri giovani, di aggregare ragazzi e ragazze, favorendo lo scambio e le relazioni sociali.”

Ai sensi del regolamento, infatti, i murales potranno essere realizzati in determinate pareti, individuate e stabilite dall’Amministrazione Comunale, divise in due categorie: quella dei muri di “pregio” e quella dei muri “palestra”. I muri di pregio sono quelli che, per la loro particolare collocazione, hanno un particolare valore: è compito del Comune  individuare i soggetti autorizzati ad eseguire i murales attraverso un bando. I “muri palestra” invece sono quelle superfici dove chiunque potrà esprimersi, nel rispetto dei contenuti indicati dall’amministrazione comunale. Ma sono stati i risultati del bando e l’assegnazione degli spazi al centro dell’happening di questa mattina in via Parigi a Miramare dove, presenti l’assessore Sara Visintin, il dirigente Bruno Borghini, lo staff dell’Assessorato alle Politiche giovanili, gli artisti partecipanti al concorso, due DJ, Zona & C. e Irol hanno accompagnato il momento di festa con performances musicali Free Style, Hip Hop e Rap, mentre i writers davano un saggio della loro arte iniziando l'esecuzione del graffito sulle mura perimetrali del sottopasso.

Il bando ha visto dunque i seguenti risultati e relative assegnazioni. Sono stati due i primi arrivati ex equo, l’associazione Mille passi solidali, a cui sono stati assegnati i muri in cemento armato del sottopasso ferroviario di via Costantinopoli a Miramare, e l’associazione Romagna in fiore, a cui sono andate le pareti del sottopasso ferroviario Iolanda Capelli alle Celle. Secondo Lorenzo Bartolucci; a lui le pareti del bar nel parcheggio di Miramare, mentre al terzo posto altri due ex equo: Antos Filipovs (a cui va il sottopasso pedonale di via Parigi) e Luca Tellurio che interverrà sulle pareti del sottopasso pedonale di via Ankara. Altri due ex equo al quarto posto: Manuel Arpino (sottopasso di via Poerio lato Ravenna) e Mattia Dalla Mole (sottopasso ferroviario di via Sacramora). Al quinto posto Simone Piva (piazzale Cesare Battisti), al sesto Giulia Campi (muri di sostegno del terrapieno del Centro civico di Santa Giustina), al settimo Antonio Carbotti (mura perimetrali dell’impianto sportivo di via del Lupo), ottavo il duo Rachele Mondo e Elena Macrelli; a loro il sottopasso di viale Eritrea a Torre Pedrera, nono Andrea Fanchi (sottopasso di Santa Giustina lato Santarcangelo).

Una classifica che, nell’assegnazione dei punteggi, ha tenuto conto dell’originalità del progetto artistico proposto, il rapporto col contesto urbano, la significatività, la pertinenza con la street art, il valore artistico. Tra le caratteristiche richieste dal regolamento per i murales, infatti, erano previste: l’ispirazione alle caratteristiche storiche, culturali, tradizionali, paesaggistiche del contesto urbano e dell’edificio in cui verranno realizzate.Il concorso per la presentazione di murales e loro realizzazione (insieme a quella dei tre laboratori di graffiti realizzati presso i centri giovani di Casa Pomposa, Grotta Rossa e Rimini5) è stato totalmente finanziato con fondi ministeriali, nell'ambito del progetto Apq Geco grazie al progetto presentato dall’Assessorato alle Politiche giovanili alla Regione Emilia Romagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento