I grillini all'attacco di Airiminum: 'fa pensare che il Fellini sia in mano a degli avventurieri'

I pentastellati contestano il possibile interessamento della società che gestisce l'aeroporto di Rimini al "Sanzio" di Ancona

Airiminum lasci perdere lo scalo di Ancona. A bocciare il possibile interessamento della società che gestisce l'aeroporto di Rimini al "Sanzio" è il Movimento 5 Stelle. "Siamo a Zelig?", si interroga il consigliere regionale Raffaella Sensoli, non riuscendosi a spiegare perchè Airiminum, "in difficoltà da mesi sulla gestione dell'aeroporto di Rimini", con pendente un ricorso al Consiglio di Stato sulla sentenza del Tar, e senza di raggiungere gli obiettivi prefissi, valuta se partecipare a un bando sulla gestione dell'aeroporto di Ancona.

"Leggere queste notizie fa pensare che il Fellini sia in mano a degli avventurieri. Stiamo attenti", ammonisce. Tra l'altro in merito oggi Enac precisa che l'iter di privatizzazione di Aerdorica, la società che gestisce l'aeroporto marchigiano, come riferito al ministero competente, "non è conforme alla normativa vigente". L'Ente per il volo lo ha comunicato "varie volte" alla società stessa, che ha comunque "continuato il percorso di individuazione di nuovi soci". Certo il parere "non è vincolante, non riguarda il contenuto del progetto di privatizzazione, ma, appunto, la procedura avviata che non sembrerebbe garantire i principi di trasparenza, non discriminazione, parità di trattamento e concorrenza". In merito l'europarlamentare M5s, Marco Affronte, sottolinea che "la manifestazione di interesse non può essere sufficiente per vendere la quota di maggioranza di un aeroporto, considerato persino strategico per il Paese". Anzi, stupisce che Enac "abbia impiegato tre mesi ad inviare la comunicazione al ministero dopo aver detto di aver ripetutamente avvertito Aerdorica".

Affronte aveva già puntato il dito contro l'Ente per il volo per la gestione della grana del Fellini, così si augura che "se la Regione Marche dovesse essere costretta a fare un bando, che venga scritto meglio di quello di Rimini". Airiminum, sottolinea il parlamentare pentastellato riminese, Giulia Sarti, dovrebbe pensare al Fellini "invece di cambiare campo provandoci con Ancona". E "preoccuparsi di riconquistare credibilità". Finora infatti ci sono stati "solo scandali per il cda, potenziali conflitti di interessi e zero chiarezza sul piano industriale". Insomma "tante promesse a suon di slide ma la situazione a Rimini è ancora molto grave e la gestione di Airiminum certo non promette bene, anzi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Agenzia Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento