Cronaca

I marinai di salvataggio: "Come ogni anno spiagge sguarnite di un servizio essenziale dopo il 12 settembre"

L' Associazione Provinciale dei Marinai di Salvataggio sottolinea che il termine del servizio pubblico di salvamento per questa stagione estiva è stato designato dall' Ordinanza Balneare Regionale al 12 Settembre

L' Associazione Provinciale dei Marinai di Salvataggio sottolinea che il termine del servizio pubblico di salvamento per questa stagione estiva è stato designato dall' Ordinanza Balneare Regionale al 12 Settembre. Protesta la stessa associazione: "Nei giorni scorsi sono state lette pubblicazioni relative a dichiarazioni riguardo la flessibilità stagionale, reputandole incongrue e constatando una sorta di "discriminazione a livello sociale" a favore di un inetta forma di opportunismo commerciale, discriminazione sia nei  confronti dei turisti che nei confronti dei cittadini che frequentano il mare e la spiaggia durante i periodi di fine estate e nello specifico durante il mese di Settembre. Il tutto avviene sotto gli occhi delle amministrazioni comunali della Provincia di Rimini che, nonostante spesso palesino pubblicamente l' efficienza e la qualità dei propri servizi turistici e collettivi e nonostante abbiano la facoltà giuridica di decidere per l'eventuale proroga del servizio di salvamento su tutte le spiagge, accettano e avallano le decisioni prese dalle imprese balneari private".

"Questa abitudine si ripete ad ogni fine estate più o meno sommessamente e, spiace dirlo, irresponsabilmente, lasciando gli stabilimenti balneari e le spiagge prive di un servizio pubblico essenziale e utilizzando una forma di giustificazione a tale privazione denominata "elioterapia". È acclarato che durante le fasi finali del periodo estivo le condizioni meteo-marine sono caratterizzate spesso da mare mosso e sbalzi termici ma i turisti e i cittadini frequentano ancora con piacere il mare per usufruire degli effetti benefici del bagno nelle ancora tiepide acque marine della Riviera, acque ancora attrattive per tutti, dai bambini agli anziani. Prendendo atto dei dati relativi ai soccorsi effettuati dal 118 e dai decessi avvenuti, si intendono evidenziare la serie di episodi avvenuti e che sistematicamente avvengono a stagione balneare ancora lontana dal proprio termine, sottolineando la potenziale pericolosità rappresentata dalla spiaggia sprovvista di Servizio di Salvamento
È ormai noto infatti che ogni anno si siano inevitabilmente verificati annegamenti e incidenti di vario genere nei giorni immediatamente successivi alla prematura interruzione del servizio pubblico essenziale di Salvataggio", sempre la nota.

"£A conferma di ciò, molteplici sono le documentazioni di cronaca rese pubbliche dalle testate giornalistiche locali e raccolte durante il corso degli anni all'interno degli archivi dell' Associazione dei Marinai di Salvataggio della Provincia di Rimini, documentazione che inequivocabilmente conferma quanto ribadito. E' nelle facoltà e nei compiti dei Sindaci dei Comuni della Riviera Romagnola assumersi la responsabilità di quanto accade e di conseguenza agire per assicurare la salvaguardia sia dei cittadini che dei turisti durante la frequentazione delle spiagge e dell' area di mare balneabile prospicente ad esse, motivo per cui il Servizio di Salvataggio sia prorogato fino ad almeno l'ultimo weekend di Settembre".

Sul problema interviene anche Rimini Coraggiosa: "E' indispensabile garantire l'estensione del servizio di salvamento in mare almeno fino a fine settembre. Il servizio di salvamento non può essere considerato un mero costo per le imprese del turismo balneare ma un elemento essenziale di qualità e di efficienza del nostro sistema turistico, reso ancora più importante dalla peculiarità delle presenze sulla nostra spiaggia nella bassa stagione quando ancora maggiore è l'incidenza di figure maggiormente bisognose di protezione. Noi riteniamo anche che l’estensione di questo servizio sia indispensabile per accentuare la qualificazione e stabilizzare la condizione di lavoratori di elevata professionalità,che hanno dato da tanti anni un contributo essenziale allo sviluppo
del nostro turismo di massa. Rimini coraggiosa condivide pienamente le proposte avanzate in tal senso dalle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori e si impegna perché, fin dalla parte finale della
stagione 2021 l'Amministrazione Comunale di Rimini dia chiari segnali in questa direzione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I marinai di salvataggio: "Come ogni anno spiagge sguarnite di un servizio essenziale dopo il 12 settembre"

RiminiToday è in caricamento