I nomi dei 50 arrestati nel corso dell'operazione Ares

È la prima volta che viene contestata l’associazione di tipo mafioso alla criminalità sanseverese

All'alba di oggi, gli agenti della polizia appartenente al Servizio Centrale Operativo, Squadra Mobile di Foggia e Bari, con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Settentrionale”, “Puglia Centrale”, “Puglia Meridionale”, “Abruzzo”, “Basilicata”, “Calabria sud-orientale” e “Calabria   sud-occidentale”, con il supporto di un elicottero del IX reparto volo di Bari, ha dato esecuzione - nell'ambito dell'Operazione “Ares” -  ad ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura di Bari, nei confronti di 50 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, tentata estorsione, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, spaccio di droga, danneggiamento, reati in materia di armi, tentato omicidio, tutti aggravati dalle finalità mafiose.

Nello specifico detto provvedimento cautelare ha inflitto la misura cautelare in carcere nei confronti dei seguenti soggetti, tutti gravati da pregiudizi:

AUGENTI Leonardo, nato a San Severo  1986
BELFONTE Oreste, nato a San Severo  1985
BEVILACQUA Carmine, nato a San Severo 1988
BOZZO Carmine Antonio, nato a Lucera 1956
BRUNO Vincenzo, nato a Foggia 1985
CAPOBIANCO Giacomo, nato a Lucera 1979
CIOCIOLA Libero, detto “Liberino” e/o “il sindaco” e/o “il nonno” nato a San Severo (FG) 1959
COLIO Luigi Donato, detto “Dino” nato a San Severo 1975
DE COTIIS Daniele, detto “don ciccio” nato a San Severo 1979 (capo imputazione n. 0.70 – 0.71 – 0.72 – 0.73 – 0.105 – 0.106);
DE STASIO Luciano Michele, nato a San Severo 1990
DELLI CALICI Carmine, detto “Carminuccio” e/o  “‘u sgumbr” e/o “ninja”, nato a San Severo 1974.
DELL’OGLIO Armando, “Dino”, nato a Milano il 1971
D’ONOFRIO Vincenzo Leonardo, nato a San Paolo di Civitate (FG) il 1975
IRMICI Pasquale, detto “Lino” e/o “cipolla”, nato a San Severo (FG) il 1978
LA PICCIRELLA Giuseppe Vincenzo, detto “Pinuccio” e/o “il ragioniere” nato a San Severo 1958
MASTROMATTEO Mario Luigi, detto “il milanese” nato a  Milano il 1983
MAZZEO Raffaele, detto “il ciotto” nato a San Severo (FG) 1968
MINISCHETTI Giovanni, detto “Gianni” nato a San Severo 1971.
NARDINO Franco, alias “Kojac”, nato a San Severo 1963
NARDINO Roberto, detto “patapuff” nato a San Severo il 24.05.1977,
NARDINO Vincenzo Pietro, “Enzo”,  nato  a San Severo  (FG)  1987
NARDINO Matteo Nazario, nato a San Severo 1991
PISTILLO Ivano, nato a San Severo 1988
ROMANO Stefano, nato a  San Severo 1989
RONCADE Lucio, nato a San Severo 1979
RUSSI ANTONIO, nato a San Severo 1983
RUSSI Loredana, a San Severo 1965
SARDELLA Arnaldo, detto “cinese” nato a San Severo 1985
TESTA Severino, detto “Rino” e/o “il puffo” e/o “il mastro” nato a San Severo (FG) 1960
TUMOLO Gennaro, nato a San Severo 1976
VISTOLA Giuseppe, detto “fa fumo” nato a San Severo il 1979

Tra gli indagati, sono stati ristretti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari:

ASTUTI Vincenzo, nato a Napoli  1979
D’AGRUMA Roberto, detto “Tup Tup”,  nato a San Severo 1981

Contestualmente, con il supporto delle Squadre Mobili di Torino, Asti, Milano, Rimini, Ascoli Piceno, Fermo, Chieti, Teramo, Campobasso, Napoli e Salerno, in esecuzione del medesimo provvedimento coercitivo, sono stati tratti in arresto:

BALDASSI Giacomo, nato a Castellammare di Stabia 1972
CAROLLA Francesco, nato a Santa Maria Capua Vetere 1978
CONSALVO Nicola, nato a Termoli (CB) 1974
DE CATO Giuseppe, nato a San Severo 1975
DI GENNARO Luigi, nato a Torremaggiore (FG) 1961
DI LORENZO Lorenzo, nato a San Giovanni Rotondo il 1977
D’UVA Giuseppina, nata a Termoli il 1978
FORTUZI Bledar, detto “Eddy”, nato in Albania il 1976
FRATELLO Diego, nato a Termoli (CB) 1981
IMMOBILE Gennaro, nato a Torre Annunziata il 1953
LA PORTA Enza Valentina, nata a Torremaggiore (FG) 1995, destinataria della misura degli arresti domiciliari;
LEO Giuseppe, nato a Torre Annunziata 1963
PARISI Michele Luciano, detto “coccett” nato a San Severo (FG)1980
SPIRITOSO Giuseppe, nato a Foggia 1956, alias “Papanonno”;
VOLPE Antonio, nato a San Severo 1985, destinatario della misura degli arresti domiciliari.

Nel medesimo contesto operativo, è stata eseguita ulteriore ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa in data 03 c.m. dal GIP presso il Tribunale di Bari, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura di Bari, a carico di:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DE FILIPPO Michele Valentino, nato a San Severo il 1991
DE FILIPPO Luigi Nazario, nato a San Severo 1993
entrambi pregiudicati, gravemente indiziati del delitto di tentato omicidio in concorso aggravato dal metodo mafioso, ai danni dei due soggetti legati al boss Severino Testa, quest’ultimo ritenuto ai vertici del clan La Piccirella

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento