I sindacati lanciano un Sos per i lavoratori delle officine ferroviarie

Sono stati disattesi gli accordi firmati dalle Ferrovie dello Stato sia per la struttura di Rimini che per quella di Bologna

Due accordi firmati per le officine di manutenzione del gruppo Fs a Bologna e Rimini. E entrambi disattesi. Per questo i sindacati dei trasporti di Cgil, Cisl e Uil hanno attivato le procedure di raffreddamento per porre al centro dell'attenzione del territorio e delle Istituzioni la situazione dei sue siti. "Siamo fortemente preoccupati per la tenuta occupazionale e per il futuro del settore nella nostra regione, e consegniamo questa preoccupazione nelle mani delle istituzioni locali. Chiediamo in particolare un intervento forte della Regione affinchè l'Emilia-Romagna non perda le conoscenze e le professionalità di centinaia di lavoratori, ossia una parte importante del suo tessuto industriale", scrivono Filt, Fit e Uiltrasporti. "Abbiamo sottoscritto due accordi specifici l'anno scorso che hanno riguardato questi due impianti". Il primo riguardava l'Omcl di Rimini e ha modificato l'organizzazione del lavoro introducendo i turni, "cioè offrendo una disponibilità oraria manutentiva maggiore a fronte di un impegno a investire per la trasformazione dell'impianto, vista la progressiva uscita di scena dei locomotori diesel, per migliorare sia come quantità che come qualità della produzione", ricordano le sigle. Il secondo accordo "riguarda i carichi di lavoro, la produzione e l'organico dell'Ogr di Bologna che, dopo essersi salvata dalla chiusura totale, si è specializzata nella manutenzione dei componenti. Nelle settimane scorse abbiamo però scoperto, nostro malgrado, che per Rimini nei piani manutentivi nazionali non si prevedono investimenti, e per Bologna nelle previsioni aziendali non sono considerate le ore previste dagli accordi", fanno sapere i sindacati. "Questi impegni non sono stati rispettati per l'assenza di un gruppo dirigente e di un piano industriale in grado di sviluppare e riorganizzare la manutenzione cosi' da migliorare la qualità del trasporto", concludono Filt, Fit e Uiltrasporti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

Torna su
RiminiToday è in caricamento