I volontari del WWF ripuliscono un'ansa dell'invaso costruito sul torrente Conca

Scoperto e smantellato un capanno da caccia abusivo e trovata una tubazione di quello che sembra cemento-amianto

Oltre che Bosco pulito l'iniziativa che il WWF Rimini ha messo in cantiere per il 18 febbraio si può anche definire Fiume pulito o se vogliamo pure Mare pulito e rientra nelle campagna dell'associazione sulle Zone Umide (One million ponds) e nella campagna GenerAzione Mare. L'area interessata dalla pulizia, un'ansa dell'invaso costruito sul torrente Conca, al confine tra i comuni di San Giovanni in Marignano, Misano e Cattolica, non ha riservato sorprese in quanto già perlustrata nei giorni precedenti dai volontari dell' associazione che erano quindi ben consci del lavoro che li aspettava. Le condizioni meteo non hanno spaventato i 4 impavidi volontari del Wwf che nell'arco della mattinata hanno raccolto una notevole quantità di rifiuti di vario genere, soprattutto plastici, sottraendoli di fatto alle piene che li avrebbero portati sicuramente al mare. In questa maniera il Wwf Rimini partecipa di fatto anche alla campagna GenerAzione Mare del Wwf Italia.

Verrà fatta anche una segnalazione per il ritrovamento di 2 tratti di tubo abbandonati, di circa 4 metri totali, che all'apparenza sembrano in cemento-amianto. E' stato smantellato, inoltre, un capanno da caccia abusivo che si trovava all'interno dell' oasi faunistica. Ma più di ogni scritto valgono le fotografie scattate durante la mattinata. Il WWF, comunque, riprenderà l'iniziativa nel prossimo mese in quanto la presenza di rifiuti è ancora notevole e ne darà comunicazione attraverso gli organi di informazione e atraverso le sue pagine fb. E' partito con l'iniziativa di pulizia della zona umida sul Conca un importante censimento delle Zone Umide (laghi, stagni, pozze, fontanili, torbiere, acquitrini) che rientra nella Campagna One million ponds che punta a ricostruire quel sistema linfatico prezioso fatto di laghi, stagni, pozze, fontanili, torbiere e acquitrini, una gamma variegata di habitat tra terra e acqua, 

La Campagna è rivolta a soci, volontari, esperti e cittadini per favorire un’adeguata conoscenza di questi ambienti preziosi, sensibilizzare sulla loro importanza, e la loro tutela. Si inizierà con un censimento di tutti quei piccoli specchi d’acqua dove sono presenti piante e animali palustri. Ma non solo. Il WWF chiede anche di ‘realizzare’ piccoli stagni “Fai da te”. Sulla pagina della campagna infatti sono tutte le indicazioni per creare un habitat ideale per rane, libellule e ninfee nel giardino di casa o nel cortile della scuola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento