Il caso della Tari gonfiata, Santarcangelo: "Il Comune non interessato dalla vicenda"

Il vice sindaco Zangoli: “Nessuna duplicazione delle cartelle, abbiamo agito in maniera conforme alla legge”

In riferimento ai presunti errori commessi da alcuni Comuni italiani rispetto al calcolo della tassa rifiuti, di cui si è parlato nei giorni scorsi sulla stampa nazionale, l’Amministrazione comunale di Santarcangelo dichiara di non essere in alcun modo interessata dalla cosiddetta “Tari gonfiata” e di aver sempre agito in maniera conforme alla legge. Il vice sindaco e assessore al Bilancio Emanuele Zangoli fa chiarezza sulla questione della duplicazione delle cartelle della tassa rifiuti, che non ha nulla a che fare con il Comune di Santarcangelo. “La Tari – dichiara il vice sindaco Zangoli – si compone di una quota fissa che viene moltiplicata per i metri quadrati occupati e da una quota variabile legata al numero di occupanti dell’immobile. A Santarcangelo in presenza di pertinenze, cioè di cantine e garage associate a un’abitazione, esse vengono accorpate all’utenza principale in modo che la quota variabile del tributo sia applicata soltanto una volta per ogni singolo utente e non, appunto, moltiplicata più volte come invece contestato a diversi Comuni italiani. In ogni caso, gli uffici sono a disposizione di tutti i contribuenti per qualsiasi dubbio o richiesta di informazione”. A titolo esemplificativo di quanto sopra descritto si riporta una bolletta tipo per un nucleo familiare di 4 persone, dalla quale emerge come la “Parte Fissa” è applicata sull’intera metratura di 100 metri quadrati (abitazione 80 mq + garage 16 mq + cantina 13 mq) e la “Parte Variabile” è applicata una volta sola (nell’esempio: 232,24 euro):

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento