Il Comune di Bellaria ha avviato i lavori di sistemazione dell’ex colonia Fiat

L'edificio fatiscente ricettacolo di sbandati che approfittano delle stanze diroccate per allestire giacigli di fortuna

Nella giornata di lunbedì l’Amministrazione di Bellaria ha avviato i lavori di sistemazione presso l’ex colonia Fiat: l’intervento, annunciato a fine aprile nel contesto di un maxi sopralluogo che ha interessato l’intera Zona Colonie, sarà completato nei prossimi giorni; illustrata anche nell’ultima assemblea pubblica del Quartiere Igea, l’opera prevede la rimozione della protezione in legno ormai deteriorata, con contestuale eliminazione e smaltimento delle relative colonne di sostegno, ad esclusione del muretto esterno. I lavori presso la colonia rappresentano l’extrema ratio prevista dal Regolamento di Polizia Urbana, nel caso in cui un privato non adempia alle richiesta di messa in sicurezza e decoro rispetto a una proprietà.
 
Nella fattispecie, verso la proprietà dell’ex colonia Fiat, che si affaccia sul lungomare Pinzon nella zona Sud di Bellaria Igea Marina, è stata emessa lo scorso gennaio un’ordinanza di ripristino dei luoghi, alla luce di una perdurante situazione di degrado. Trascorsi i tempi concessi al privato per ottemperare a quanto richiesto e verificato il mancato adempimento delle opere necessarie presso la struttura, l’Amministrazione si è presa carico dell’intervento, riservandosi di rivalersi sul privato come indicato nello stesso Regolamento di Polizia Urbana.
 
  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento