Il Comune di Coriano dismette le azioni di Aprea Raibano srl

Dal 2003 al 2011 la società costituita per la realizzazione delle infrastrutture del comparto industriale di Raibano è costata quasi 400mila euro

Il Comune di Coriano prosegue la razionalizzazione delle partecipate. Dopo la dismissione delle azioni di HERA, Start Romagna e di AMFA, che nell’arco di un anno ha fruttato circa 80.000 euro, il Consiglio Comunale si è espresso, nella seduta dello scorso 10 ottobre, per la messa in liquidazione e lo scioglimento di APEA, la società costituita più di dieci anni fa per la realizzazione delle infrastrutture del comparto industriale di Raibano. Il mutato quadro economico e normativo hanno reso necessaria tale decisione, già prevista nel piano di razionalizzazione approvato a marzo dello scorso anno. Le misure di contenimento dei costi avevano già permesso di ridurre, nel 2015, i costi di funzionamento della società, più che dimezzati grazie all’azzeramento dei costi dell’amministratore unico e dei costi amministrativi e gestionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una ulteriore riduzione è prevista per il 2016, grazie ad un’attenta politica di contenimento delle spese condivisa dall’Assemblea dei soci, in vista dello scioglimento previsto entro la metà del 2017. "Giunge all’epilogo - scrive il Comune di Coriano in una nota stampa - una ulteriore tristissima pagina del passato, che tanto ha gravato sulle casse comunali e illuso le speranze di coloro che avevano creduto al progetto. APEA, da prima Agenzia di Promozione e Sviluppo Attività Produttive Srl e poi APEA Raibano SRL era costata al Comune di Coriano dal 2003 al 2007 € 279'000,00, dal 2007 al 2011 si interrompono i pagamenti, verranno poi riconosciuti come debiti fuori bilancio da commissario prefettizio nel 2011 altri 94'500,00 poiché le spese continuavano ad esserci e il consiglio di amministrazione riceveva i compensi, debiti che siamo stati costretti a pagare nel 2013. Tra trattative di riduzione, nel rispetto delle norme e alla ricerca della migliore soluzione per i cittadini, dal 2013 ad oggi si sono spesi altri 45'000,00 euro. Ora finalmente dovrebbe essere finita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Studentessa si accascia sull'autobus, ricoverata in condizioni critiche

  • Riccione piange don Giorgio, il sacerdote si è spento per il Coronavirus

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento