Il Comune di Rimini la spunta nel ricorso al Tar contro il condominio "Rema"

La società Lm si era opposta all'ordinanza di demolizione di alcune opere abusive e la revoca della licenza al locale Barcollando

Il Comune di Rimini la spunta nel ricorso al Tar presentato nel 2018 dalla società Lm contro l'ordinanza di demolizione di alcune opere abusive al Condominio Rema, "una muratura di tamponamento esterna per la configurazione di un ambiente unico con il tamponamento del portico gravato da servitù di uso pubblico al piano terra, in aggiunta alle opere di realizzazione e demolizione di tramezzi interni per una nuova ripartizione degli spazi"; e contro la revoca della licenza al locale Barcollando, entrambi ubicati al 43 del Lungomare Tintori. Nell'udienza pubblica del 3 giugno scorso sono stati respinti i diversi motivi di diritto del ricorso tra cui l'eccesso di potere per difetto di istruttoria e motivazione. "Tutti i motivi dedotti, sia nel primo ricorso, che nei motivi aggiunti, che nel secondo ricorso- si legge nella sentenza- non meritano condivisione". In primo luogo "in relazione alle violazioni procedimentali, per consolidata regola giurisprudenziale, ampiamente condivisa da questo Tar, l'adozione di provvedimenti repressivi degli abusi edilizi non deve essere preceduta dall'avviso". Inoltre "la violazione dell'obbligo di comunicazione dell'avvio del procedimento non costituisce un motivo idoneo a determinare l'annullabilità dei provvedimenti sanzionatori in materia di abusi edilizi". È poi provata, prosegue la sentenza, "la sussistenza di servitù di uso pubblico gravante sul portico al piano terra del Condominio Rema da tempo immemorabile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda il locale, "sono state rese testuali autodichiarazioni circa la rispondenza alle vigenti normative edilizio-urbanistiche resesi, in realtà, non veritiere". Dunque "l'accertata abusività dei locali destinati all'esercizio dell'attività commerciale non può che comportare, come atto dovuto, la revoca dell'autorizzazione". Ecco perchè, termina la sentenza, "i ricorsi devono essere respinti", da qui il pagamento delle spese del giudizio in favore delle controparti da 4.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento