rotate-mobile
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Il Comune mette a lavorare 4 percettori del Reddito di cittadinanza

I beneficiari sono tenuti a offrire la propria disponibilità per la partecipazione a progetti nell’ambito del Patto per il lavoro e del Patto per l’inclusione sociale

L’ultimo ostacolo è stato superato e con il ripristino della piena operatività della piattaforma nazionale, i Progetti Utili alla Cittadinanza (PUC) che prevedono il coinvolgimento dei percettori del Reddito di Cittadinanza sono pronti a partire. Sono quattro quelli predisposti dal Comune di Verucchio, che aveva approvato il Piano e completato l’iter di sua competenza lo scorso gennaio inviandolo all’Unione che l’aveva approvato: sopraggiunte difficoltà tecniche ne hanno però procrastinato l’avvio. I beneficiari del reddito di cittadinanza sono infatti tenuti a offrire la propria disponibilità per la partecipazione a progetti nell’ambito del Patto per il lavoro e del Patto per l’inclusione sociale, da svolgere nel comune di residenza per una durata non inferiore alle otto ore settimanali e non superiore alle sedici.
 
“Abbiamo fatto il punto della situazione con l’Ufficio Servizi Sociali nei giorni scorsi e appurato che sono 26 a oggi i percettori nel nostro territorio, esclusi quelli che si sono rivolti direttamente ed esclusivamente all’Inps di cui non abbiamo notizia: ora sarà avviato lo screening per verificare i requisiti e le eventuali cause di esclusione o esenzione di ciascuno e a breve saremo pronti ad attivare i progetti che partiranno a gennaio” ha annunciato la sindaca Stefania Sabba lunedì in consiglio comunale, illustrando la serie di opportunità selezionate dalla giunta e ricordando come oltre che un obbligo i PUC rappresentano un'occasione di inclusione e crescita sia per gli stessi beneficiari, che saranno inseriti nei progetti in base ai loro interessi e alle loro propensioni, che per l'intera collettività. Pulizia e manutenzione di parchi, aree verdi, strade, piazze ed edifici pubblici, eliminazione di scritte, informazioni al pubblico, azioni di sicurezza, pulizia e igienizzazione di sale comunali, uffici, biblioteca o palestre, guardianìa e accoglienza delle persone in edifici dedicati ad attività culturali nel rispetto delle normative anti Covid. Infine, smaterializzazione dei documenti cartacei contenuti in municipio e loro digitalizzazione a completamento dell’archivio informatico. Questi gli ambiti individuati dall’amministrazione.

 
“Per ogni progetto mirato è stato preventivato l’impiego di un massimo di 10 persone per massimo 16 ore settimanali. Il primo è ‘Mi Prendo Cura’, che si propone l’obiettivo della manutenzione e del decoro generale del paese. Il secondo è ‘Verucchio è sicuro con te’ e la finalità è garantire la fruizione degli spazi pubblici e dei servizi socio-culturali in assoluta sicurezza e tranquillità: saranno quindi coinvolti il municipio, le sale del centro civico, la sala delle associazioni, ma anche palestre, edifici scolastici comunali e altri edifici pubblici. Il terzo dei progetti selezionati, ‘La cultura non si ferma’, avrà invece per location Rocca Malatestiana, Museo Civico Archeologico, la nascitura Pinacoteca e il Teatro Eugenio Pazzini. L’ultimo lo abbiamo ribattezzato ‘Digitalizzazione Archivi’ e già il nome dice tutto: queste persone contribuiranno cioè a informatizzare tutti i documenti cartacei del Comune” entra nel merito la prima cittadina, ricordando che “tutti i dispositivi individuali necessari saranno acquistati e messi a disposizione da Volontarimini, mentre saranno a carico del Comune gli strumenti specificamente necessari per lo svolgimento delle attività, quali misuratori della temperatura, attrezzature per la pulizia, imbiancatura delle scuole....”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune mette a lavorare 4 percettori del Reddito di cittadinanza

RiminiToday è in caricamento