Il falso soldato americano spilla 15mila euro a una signora riminese

La donna è caduta nella "trappola di miele" finendo per innamorarsi di quello che si è rivelato un truffatore

Il sogno di fidanzarsi con un soldato americano è costato 15mila euro a una signora riminese finita vittima della "trappola di miele" su internet. La donna, infatti, si era iscritta su un sito internet dove poter apprendere e migliorare la lingua inglese. Attraverso questo servizio era così entrata in contatto con un presunto militare dell'esercito statunitense, tale “John Reed”, che si trovava di stanza in Afghanistan. E' così iniziato uno scambio di mail che, col passare del tempo, si era fatto sempre più bollente tanto che, la vittima, era arrivata a innamorarsi del soldato che, nel frattempo, aveva carpito la sua fiducia.

E' stato a questo punto che, il presunto “John Reed”, le ha raccontato alcune sue storie di guerra aggiungendo che, in Afghanistan, aveva effettuato una rischiosa e, ovviamente, segretissima missione per salvare una personalità straniera. Il salvato, per sdebitarsi, aveva regalato al militare 2 milioni di dollari. Con quel gruzzolo, una volta terminato il servizio, “John Reed” avrebbe usato il denaro per incontrarsi con la riminese e iniziare una nuova vita. E' stato a questo punto che, il truffatore, ha chiesto alla sua vittima di poterle spedire il pacco con i 2 milioni in contanti e di conservarglielo fino al suo ritorno dall'Afghanistan. Senza sospettare nulla, la donna ha accettato fornendogli tutti i suoi dati e, poco dopo, è stata contattata da un presunto spedizionere che le chiedeva di pagare le spese per poter ricevere il pacco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A furia di bonifici, tutti fatti all'estero, la riminese ha versato ai truffatori 15mila euro prima di insospettirsi e rivolgersi alla polizia di Stato. Solo una volta davanti al personale della Divisione Anticrimine della Questura di Rimini la signora ha aperto gli occhi, capendo di essere finita vittima di una banda di malviventi, ed ha sporto denuncia ma, difficilmente, riuscirà a incontrare “John Reed” e a riavere i suoi soldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento