rotate-mobile
Cronaca Riccione

Il gioco d’azzardo si veste di rosa, l’assessora Zoffoli: “Vergogna e sensi di colpa inducono al silenzio"

Un incontro pubblico con esperti del settore e testimonianze di ex giocatori, il forte senso di colpa verso la famiglia e il senso di vergogna le rendono più fragili e meno inclini a chiedere aiuto

“Non possono vincere i sensi di colpa e vergogna delle donne che giocano d’azzardo. A vincere deve invece essere la capacità di chiedere aiuto quando ne hanno il bisogno. Purtroppo, al contrario, molte donne tendono a chiudersi nel loro silenzio. Per queste ragioni dobbiamo parlarne tanto, oltre a mettere a disposizione delle donne gli strumenti necessari affinché abbiano la possibilità concreta di chiedere aiuto”. Sono le parole dell’assessora alla Politiche sociali Marina Zoffoli che presenta l’incontro gratuito rivolto alla cittadinanza dal titolo “L’azzardo si veste di rosa: gioco d’azzardo e sfumature di genere” che si terrà giovedì 9 marzo alle 16 in via Lazio 10 nella Sala della Pesa alla Biblioteca di Riccione.

Le donne che giocano d’azzardo subiscono degli stigmi sociali più forti. Il forte senso di colpa verso la famiglia e il senso di vergogna le rendono più fragili e meno inclini a chiedere aiuto. E anche quando sono compagne, madri, mogli di giocatori d’azzardo finiscono per essere maggiormente esposte a rischi, primo fra tutti la violenza economica, oltre a quella psicologica e, nei casi più gravi, anche quella fisica. Si rende necessario intervenire fin dai primi segnali per evitare che il gioco problematico si evolva in dipendenza, con conseguenti perdite economiche, peggioramento delle condizioni psico-fisiche della persona coinvolta, difficoltà lavorative e, talvolta, con problemi legati alla giustizia. 

Questo incontro si propone come momento di approfondimento e scambio di opinioni sul fenomeno del gioco d'azzardo con un focus sul gioco al femminile, sia come forma di dipendenza che colpisce anche le donne, sia come sofferenza legata al gioco compulsivo di un familiare giocatore. Si offrirà inoltre una panoramica dei servizi gratuiti promossi sul Distretto dall’Uoc (Unità operativa complessa) Dipendenze Patologiche diretta da Teo Vignoli, in collaborazione con il Distretto di Riccione.

All’incontro pubblico anche le testimonianze di “Giocatori Anonimi”. Interverranno Elisa Zamagni, psicologa e psicoterapeuta (Servizio Dipendenze Patologiche Ausl Romagna di Riccione), Chiara Pracucci, psicologa (Match, sportello di consulenza psicologica e legale). A seguire, una Tavola Rotonda che coinvolgerà il direttore Uoc Dipendenze Patologiche Rimini Teo Vignoli, l'assessora alle Politiche del Comune di Riccione Marina Zoffoli e le testimonianze di “Giocatori Anonimi”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il gioco d’azzardo si veste di rosa, l’assessora Zoffoli: “Vergogna e sensi di colpa inducono al silenzio"

RiminiToday è in caricamento