Il Ministro della Giustizia Paola Severino in visita a San Patrignano

A pranzo con i 1.300 ragazzi della comunità e, subito dopo, una visita ai laboratori di formazione, al centro medico, al centro studi e al nido di San Patrignano

A pranzo con i 1.300 ragazzi della comunità e, subito dopo, una visita ai laboratori di formazione, al centro medico, al centro studi e al nido di San Patrignano. Questo l’oggetto della visita del ministro della Giustizia, Paola Severino, giunta a San Patrignano intorno alle 14 e accompagnata dal coordinatore del Comitato sociale della comunità, Antonio Tinelli, e dall’ex ministro dell’Istruzione e Sindaco di Milano, Letizia Moratti.

«Di fronte a questa realtà – ha detto il ministro – ho avuto due reazioni: la prima dal punto di vista dei sentimenti, per la grande emozione di vedere vite spezzate che trovano la forza di riprendersi; la seconda più razionale, per la grande professionalità e competenza con cui il problema della tossicodipendenza viene affrontato».

Secondo il ministro il carcere non sempre è un luogo ideale per rieducare: «San Patrignano con la sua dedizione dimostra come le pene alternative, se perseguite con grande tenacia e convinzione, possano essere una risposta risolutiva e ad offrire una concreta prospettiva di futuro».

L’attività di San Patrignano in questo campo è considerevole. Dal 1988, infatti, la comunità ha accolto oltre 3.600 persone in regime di arresti domiciliari e di affidamento in prova ai servizi sociali, sostituendo più di 4.000 anni di carcere in percorsi riabilitativi orientati al pieno recupero e al reinserimento sociale e lavorativo. Nel solo 2011, sono state presenti in comunità 54 ragazzi agli arresti domiciliari e 121 con provvedimenti di affidamento o di detenzione. La comunità di è occupata di circa 500 processi penali e di 50 cause civili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un impegno costante , visto che siamo fra le strutture esistenti nel nostro paese a mettere in atto percorsi a lungo termine per questi ragazzi – spiega Marcello Chianese, responsabile dell’ufficio legale della comunità. «i nostri operatori, insieme a quelli della rete di associazioni collegata a San Patrignano, «entrano quotidianamente in molti penitenziari per rispondere alle richieste di aiuto e programmare percorsi alternativo in comunità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

  • Discoteche, il mondo della notte si reinventa e punta alla riapertura

  • Il coronavirus uccide altre due anziane. Due nuove positive al covid: erano asintomatiche

Torna su
RiminiToday è in caricamento