Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Il padre accusato di abusi sulla figlia 15enne: "Sono qui per qualcosa che non ho fatto"

L'uomo si è difeso punto su punto durante l'interrogatorio di garanzia: "Sopporto con forza questa prova frutto di un'isteria famigliare"

E' durato quasi un'ora l'interrogatorio di garanzia del 56enne arrestato lo scorso 15 giugno dalla Squadra mobile della Questura di Rimini con l'accusa di aver abusato sessualmente della figlia 15enne. Difeso dall'avvocato Enrico Graziosi l'uomo, un professionista nel settore medico, ha sostenuto di essere finito in carcere "per qualcosa che non ho fatto" e ribattuto punto su punto a quelle che ritiene accuse infamanti "frutto di un'isteria famigliare" presentando anche al Gip una serie di documentazioni che proverebbero come la ricostruzione degli inquirenti sarebbe "una falsità pianificata". Secondo il 56enne, infatti, non ci sarebbe stato nessun abuso e i fatti raccontati dalla 15enne sarebbero addirittura avvenuti in un periodo durante il quale l'uomo si trovava all'estero per lavoro. Alla luce di quanto emerso, al termine dell'interrogatorio il legale dell'indagato ha chiesto al Gip una misura alternativa al carcere e il giudice si è riservato di decidere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il padre accusato di abusi sulla figlia 15enne: "Sono qui per qualcosa che non ho fatto"

RiminiToday è in caricamento