Venerdì, 6 Agosto 2021
Cronaca

Il Pazzini inaugura una nuova stagione, tra gli artisti Giobbe Covatta e Maria Paiato

Prosa, comicità e musica. Si ride con Leonardo Manera, volto di Zelig, tra omaggi a Luigi Tenco e la musica di Andrea Amati e Federico Mecozzi

L'attore Giobbe Covatta sul palco con "La Divina Commediola"

Una nuova pagina per il Teatro Pazzini di Verucchio che inaugura la stagione teatrale con la gestione dei Fratelli di Taglia.Dal 18 gennaio al 6 maggio Verucchio vivrà una nuova stagione di teatro grazie a un cartellone espressamente rivolto a un pubblico trasversale e curioso, nell’intento di coltivare spettatori sempre più consapevoli e partecipi attraverso un’alchimia di linguaggi che sperimentano il teatro contemporaneo, la letteratura, la musica d’autore, il teatro comico, la poesia in dialetto, il circo teatro. Proseguendo anche nell’opera di valorizzazione dei talenti e delle realtà artistiche e culturali locali, che da sempre appartengono alla vita del Pazzini. Una vera e propria esplorazione della scena, come suggerito dall’immagine guida del cartellone che invita a guardare lontano.
 
“Prende avvio una nuova Stagione Teatrale con un nuovo gestore che non farà mancare qualità e originalità – dichiara il Sindaco di Verucchio, Stefania Sabba -.  Per il Comune di Verucchio il teatro è un’offerta culturale fondamentale, occasione di aggregazione e di crescita personale. Il teatro alimenta la mente e accresce la sensibilità a tutte le arti, diviene volano per lo sviluppo dell’intero territorio. Spero di vedere la sala altamente frequentata, questo il mio desiderio e auspicio per il nuovo anno”.
 
Ad alzare il sipario sarà mercoledì 18 gennaio (ore 21,15) Giobbe Covatta, mattatore de “La Divina Commediola”, versione apocrifa della più nota Commedia dantesca, scritta da tal Ciro Alighieri. Sorrisi che fanno pensare tra i gironi di un Inferno luogo di dannazione non per i peccatori ma per le loro vittime. In particolare i bambini senza diritti e difese, da sempre cari al popolare comico napoletano. Un divertente monito agli adulti per il futuro delle nuove generazioni.
Venerdì 27 gennaio (ore 21,15) la canzone d’autore di “Io sono uno. Ricordando Luigi Tenco”, concerto-spettacolo con cui il verucchiese Federico Mecozzi, primo violino per Ludovico Einaudi e precoce direttore d’orchestra, e il santarcangiolese Andrea Amati offrono alle gemme di Tenco nuove prospettive melodiche e interpretative. Con Andrea Amati (voce e monologhi), Federico Mecozzi (pianoforte), Cecilia Biondini (violoncello), Caterina Boldrini (violino) e Lucia Solferino (viola).
Sabato 4 febbraio (ore 21,15) sale a Verucchio Maria Paiato, indiscussa Signora del teatro italiano (due volte Premio Ubu, Premio Duse, Maschera d’Oro, Olimpici del Teatro, Premio Flaiano…), con un assolo dedicato al romanzo “Una e una notte” di Ennio Flaiano, critico, scrittore e sceneggiatore dei più grandi film di Federico Fellini. La folle nottata ai confini della realtà di un “vitellone”, tra prostitute e alieni, nella Roma surreale e ingenua del Dopoguerra, non tanto diversa dall’Italia di oggi.
 
Sabato 11 febbraio(ore 21,15) arriva il Maestro Concertatore del dialetto d’autore Ivano Marescotti, autore e interprete del recital tragicomico “LUI. Un quaión qualsiasi” tratto da Baldini, Guerra, Pedretti, Guerrini, Galli, Zavattini, Dante in romagnolo e improvvisazioni su esperienze personali. Nascita, vita, amori, lavoro, follie anche il testamento di LUI: il disertore, il fumatore accanito, l’analfabeta, la zdóra, è patàca, è quaión… Storie per riflettere e ridere, di LUI e di noi stessi.
Venerdì 24 febbraio(ore 21,15) il teatro comico di Leonardo Manera per esplorare le sfumature della “Italian Beauty”. Grande Bellezza tutta da ridere nel viaggio tra mostruosità, contraddizioni e potenzialità del Belpaese. Politici arroganti, professori ignoranti, presentatori cannibali, medici cinici, tassisti reazionari… i furbi ma anche i tanti italiani che con coraggio ogni giorno ce la mettono tutta per andare avanti. Morbida e pungente ironia che strappa il sorriso e apre alla speranza.
Domenica 5 marzo (ore 21,15), aspettando la Giornata della Donna, la comicità al femminile de Le Brugole con “La metafisica dell’amore”. Dal duo comico di Zelig Off un inno all’amore e alle donne, che amano altre donne che amano tutti gli altri. Roberta Lidia De Stefano e Annagaia Marchioro in una carrellata di personaggi divertenti (la psicopatica, la milanese, l'artista, la fricchettona, la ex…) tutti alla ricerca di un amore. Sentimento che non fa distinzione di sesso, razza, lingua o religione.
 
Sabato 18 marzo(ore 21,15) ancora teatro comico a tema sentimentale con Marta Zoboli & Gianluca De Angelis nel nuovo show “Strapazzami di coccole”. Con la coppia comica del momento, da Zelig a Sanremo, per cercare di capire cos’è, com’è e perché l’amore. Partendo da Adamo ed Eva per arrivare al TG Eros, tra speed date, il grande cinema, la Televisione di Nives e Fuffy, confessioni pericolose e tanto altro per scoprire assieme al pubblico quando e perché ci si innamora. Forse.
Sabato 29 aprile(ore 21,15) serata di CircoTeatro in compagnia dei Fratelli di Taglia al gran completo nel nuovo spettacolo “Orlando Furioso 5.0”. Omaggio al poema epico per eccellenza, nel 500° anniversario della prima stesura di Ludovico Ariosto (1516), che prende le mosse dall’Orlando raccontato da Italo Calvino per diventare una narrazione multimediale con musica dal vivo, danza e circo teatro. Protagonisti Marina Signorini e Patrizia Signorini con Irina Dainelli ed Elias Moroncelli (tessuto aereo e acrobatica), Valentina Giglio (fusion dance), Kino (live electronics), Daniele Dainelli e Giovanni Ferma (voci recitanti).
 
Come da consolidata tradizione il Pazzini accoglie anche quest'anno le proposte delle realtà artistiche e culturali del territorio. 
Venerdì 24 marzo(ore 21) l’Accademia Musicale Artefonia presenta “I favolosi Anni ’60 – Dal Melodico Italiano alla Beat Generation”. Concerto del Corpo Docenti dell’Accademia di Villa Verucchio: affresco della più bella musica italiana e internazionale di un decennio indimenticabile che ha sconvolto e definitivamente trasformato il panorama musicale, dalle melodie di Mina, Endrigo e Paoli al pop rock dei Beatles.
Sabato 22 aprile(ore 21) sul palco la Compagnia Oltre il Sipario nella commedia brillante “Se devi dire una bugia dilla grossa” di Ray Cooney.
Sabato 6 maggio(ore 21) in teatro la XIX Rassegna di Cori Polifonici organizzata dal Coro Malatesta da Verucchio.
 
Invece, saranno due gli appuntamenti di teatro dialettale: venerdì 3 febbraio (ore 21) la Compagnia di Teatro Dialettale La Mulnela di Santarcangelo di Romagna presenta “Sota e pount di mirecal”; Venerdì 17 febbraio (ore 21) la Compagnia Dialettale Sammartinese “Giorgio Torsani” di Villa Verucchio ne “Una fameja sgangareda”.
Inoltre, corerente con la propria storia e mission la Compagnia Fratelli di Taglia dedicherà spazio e attenzione al teatro per le nuove generazioni con proposte artistiche e didattiche specifiche. Rivolte alle scuole verucchiesi tre matinèe (“Il Folletto Mangiasogni”, “Alice” e “Orlando Furioso 5.0”) e il laboratorio interattivo multimediale “Un viaggio tra le stelle”, avventurosa esplorazione alla scoperta di fiabe e leggende nascoste tra nebulose, polveri magiche e costellazioni, da cui sono nati miti ed epopee.
 
Info prezzi e abbonamenti:
Spettacoli Comico, Prosa e Dialetto d’Autore: ingresso intero 15 euro, ridotto 12 euro (under 25, over 65 e youngERcard).
Su tutti gli altri spettacoli riduzione di 2 euro sul biglietto intero per under 25, over 65 e youngERcard.

Abbonamento a 6 spettacoli: 60 Euro (Covatta, Paiato, Marescotti, Manera, Le Brugole, Marta & Gianluca)
Biglietti in vendita al botteghino del teatro nei giorni di spettacolo dalle ore 17,30.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pazzini inaugura una nuova stagione, tra gli artisti Giobbe Covatta e Maria Paiato

RiminiToday è in caricamento