Il Pd di Riccione scende in campo a difesa del Trc: "Non è l’armageddon"

In un comunicato stampa sottolineano come l'amministrazione di Renata Tosi stia facendo di tutto per screditare l'opera

In quella che, a tutti gli effetti, è oramai la querelle infinita sui lavori di realizzazione del Trc in corso a Riccione, nella mischia si getta anche il Pd della Perla Verde. In un comunicato stampa, gli esponenti del Partito Democratico puntano il dito contro l'amministrazione del sindaco Renata Tosi colpevole, secondo loro, di fare di tutto per screditare la realizzazione della metropolitana di costa. "Il TRC, e questa è la semplice realtà delle cose - scrivono in un comunicato stampa - non è di certo l’armageddon che oggi, come si conviene quando le argomentazioni reali e realistiche vengono a mancare, l’attuale compagine amministrativa cittadina, sindaco in testa, cerca ancora e con tanta enfasi di inculcare nell’immaginario cittadino. Il continuo e quanto mai assurdo insistere in un’inqualificabile attività di ricorsi per il blocco dei lavori, sempre rigettati dal TAR a causa dell’assoluta infondatezza delle richieste stesse, altro non hanno ottenuto che una dilazione nei tempi di intervento di A.M., unica vera intenzione da sempre di questa amministrazione, procrastinare cioè nel tempo la costruzione e la definizione dell’opera, con il solo recondito obbiettivo di dimostrare come la stessa sia in contrasto con l’attività turistica stagionale, fermandone così i lavori fino alla fine dell’estate per poi riprendere il solito refrain di ricorsi su ricorsi di varia natura. Che sia quindi chiaro a tutti di come sia questa malcelata volontà, alla base dei “disturbi” che il prosieguo dei lavori del TRC produrrà verso i turisti, ricercata fino al parossismo da questa amministrazione e non da A.M. che, se messa in condizione di potere iniziare i lavori a tempo debito e cioè dal 1 Settembre 2014, avrebbe già concluso la propria attività".

"Siamo inoltre certi - prosegue la nota stampa - che non può sfuggire ai più la sindrome da “attrazione perniciosa al martirio”, sviluppata fin dalla sua elezione a sindaco della città dell’attuale primo cittadino. La ricerca a tutti i costi, costi quel che costi dello scontro nei confronti di A.M., fino a portare al limite la propria attività interdittoria, fatta di esposti, ricorsi e chi più ne ha ne metta, è in realtà solo tesa al blocco della costruzione che, obtorto collo, non potrà che giungere così alla scelta del commissario ad acta, un giochetto questo già iniziato al momento del proprio insediamento da primo cittadino, ben consapevole dell’impossibilità di raggiungere l’obiettivo principe della propria campagna elettorale, fermare il TRC. Una strategia certamente studiata a tavolino, tesa a far passare il primo cittadino come unico e vero baluardo contro il TRC, rinsaldando e rafforzando quindi il legame con il popolo dei suoi sostenitori che, in caso contrario, rendendosi conto di essere stato lungamente preso per il naso, l’avrebbe miseramente abbandonata. Vale inoltre qui la pena di ricordare a tutti come anche le migliorie e le modifiche alla struttura di sostegno al percorso dell’opera, già da tempo avanzate dal PD, con proposte migliorative sull’impatto della struttura stessa, vuoi tramite importanti e notevoli azioni di decoro ed abbellimento di varia natura, forma e materiali, in grado di caratterizzare anche mediaticamente l’immagine di Riccione, allo stesso modo di come il Colosseo caratterizza Roma, contraddistinguendo la nostra città per il concetto di destinazione che ha fatto della mobilità il proprio fondante cavallo di battaglia, sono state irrimediabilmente, quanto immediatamente, cassate dall’attuale amministrazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Su queste nostre proposte - concludono gli esponenti del Pd - tese al miglioramento complessivo dell’impatto dell’opera, all’abbellimento di quello che oggi da tutti i detrattori del TRC viene detto “muro”, il PD continuerà ad essere costantemente e caparbiamente in prima fila, nel richiedere ad A.M. una riprogettazione dello stesso sia nei materiali che nell’architettura strutturale e visiva dello stesso. A tal proposito vogliamo qui rimarcare ancora una volta se a qualcuno fosse sfuggito e con assoluta certezza che la nostra idea di Riccione = città green-life …. una città in cui al di sotto della ferrovia non vi sia traffico se non elettrico e silenzioso, eccezion fatta naturalmente per i parcheggi a supporto delle attività di spiaggia ed alberghiere, sarebbe il migliore investimento per la sicurezza, la crescita ed il futuro della nostra economia. Quando si traccia e si costruisce il futuro di un intera città, non ci si può soffermare a guardare il dito che indica il proprio orticello, ma è necessario, per il bene di un intera comunità, essere in grado vedere la grande luna che si para davanti ai nostri occhi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento