Il Prefetto Forlenza in visita a Verucchio, pronte 16 telecamere per sorvegliare il territorio

Il Comune di Verucchio qualche giorno fa è stato il primo della Provincia a sottoscrivere il ‘nuovo’ Piano Sicurezza in un percorso di completa tutela della legalità

Momenti istituzionali e un’immersione nella storia, nella cultura e nell’enogastronomia per la “prima” del prefetto Giuseppe Forlenza a Verucchio. La mattinata si è aperta infatti alle 9 nella sala consiliare del municipio, dove il dottor Forlenza ha ricevuto il benvenuto ufficiale del sindaco Stefania Sabba, di una nutrita rappresentanza della giunta e del consiglio comunale, del capitano dei carabinieri della Compagnia di Novafeltria Carmelo Carraffa accompagnato dal maresciallo Luciano Masini della locale stazione.
 
Un saluto in cui il rappresentante del governo ha spiegato come la conoscenza della nuova realtà in cui si trova a operare avviene attraverso una serie di visite, “perché è sul territorio che si possono intercettare realmente i bisogni delle varie comunità”. Ricordando quindi che “il Comune di Verucchio qualche giorno fa è stato il primo della Provincia a sottoscrivere il ‘nuovo’ Piano Sicurezza in un percorso di completa tutela della legalità in cui ci è stato presentato il Progetto di Videosorveglianza che ha realizzato e che inseriremo fra quelli per cui si richiede un contributo tornando a condividerlo a breve nel nostro Comitato provinciale”. Ponendo l’attenzione anche su ulteriori strumenti quali “i protocolli che regolano i controlli di vicinato” ed evidenziando come “la sicurezza produce sviluppo”. Nel ricordare che “il Piano prevede l’installazione di 16 telecamere in alcune aree del territorio comunale” e che “per il primo stralcio abbiamo stanziato 86.000 euro di risorse nostre”, la prima cittadina ha accolto molto positivamente gli ultimi sviluppi annunciando: “Con questo percorso potrebbe essere attivato integralmente in un’unica soluzione e non più per step”.
 
Sindaco che ha quindi accompagnato insieme ad alcuni consiglieri il dottor Forlenza alla scoperta dei reperti unici di età villanoviana del Museo Civico Archeologico, del Convento di Santa Croce e del suo Cipresso che la tradizione vuole piantato da San Francesco ed è fra gli alberi monumentali di interesse nazionale, dell’Oleificio Sapigni appena insignito da Slow Food a rappresentare idealmente il patrimonio delle tipicità locali e della Rocca Malatestiana. A metà mattinata, il Prefetto ha inaugurato ufficialmente il Centro Addestramento Cinofilo ricavato al Parco Marecchia e assegnata all’Associazione Nazionale della Polizia di Stato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento