Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Novafeltria

Il Rotary Club Novafeltria Alto Montefeltro incontra gli studenti per fare luce sulle dipendenze

I lavori si sono svolti al Polo scolastico Novafeltria ed hanno coinvolto i ragazzi dei sette indirizzi di studio, grazie alla collaborazione del dirigente scolastico Camillo Giorgi e dei docenti

Oltre 200 studenti sono intervenuti ad un incontro promosso dal Rotary Club Novafeltria Alto Montefeltro nell’ambito del progetto ‘A scuola in salute’. I lavori si sono svolti al Polo scolastico Novafeltria ed hanno coinvolto i ragazzi dei sette indirizzi di studio, grazie alla collaborazione del dirigente scolastico Camillo Giorgi e dei docenti, sensibili ai temi della prevenzione. In particolare, sono state approfondite le tematiche che più coinvolgono gli adolescenti; il focus è stato sulle dipendenze. Da ricordare la collaborazione del comandante della Compagnia Carabinieri di Novafeltria, Capitano Carmelo Carraffa.

Il relatore, Prof. Antonello Bonci, è uno dei massimi esperti al mondo sulle dipendenze ed ha coinvolto i partecipanti in un ‘viaggio dentro al cervello’, svelando i meccanismi alla base delle dipendenze. Durante la sua relazione, Bonci ha anche spiegato agli studenti le basi fisiologiche delle emozioni e i meccanismi principali alla base delle dipendenze, ansia e depressione. Ha raccontato le sue ricerche sulla dopamina, sugli effetti a lungo termine delle droghe di abuso che producono una memoria a lungo termine sulle cellule produttrici di dopamina nel cervello, fondamentale per lo sviluppo e mantenimento delle dipendenze.

“Una mattinata che ha aperto gli occhi ai nostri ragazzi sui rischi che si corrono, magari inconsapevolmente, a causa di comportamenti di cui non si comprendono le ripercussioni – dice il Presidente Emanuele Burioni del Rotary Club Novafeltria Alto Montefeltro – Le dipendenze in generale e da cocaina in particolare creano un problema che affligge milioni di persone. Le terapie consolidate sono per lo più impostate sull’associazione di farmaci e psicoterapia, ma i risultati sono in generale deludenti. Il Prof. Bonci ha messo a punto uno studio molto promettente che ha generato la terapia TMS che si sta rivelando molto efficace”.

Antonello Bonci è considerato a livello internazionale come uno dei principali scienziati nel campo della Neuropsicofarmacologia ed è stato docente all'Università della California di San Francisco dal 1999 al 2010. Fra gli incarichi della sua prestigiosa carriera anche la direzione scientifica del NIDA (National Institute on Drug Abuse) dove ha diretto il più grande centro di ricerca al mondo sulle dipendenze. Conosciuto a livello mondiale per avere sviluppato, assieme ai suoi collaboratori internazionali, un nuovo trattamento per le dipendenze come cocaina, alcool e gioco d'azzardo, basato sulle simulazioni cerebrali non invasive.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Rotary Club Novafeltria Alto Montefeltro incontra gli studenti per fare luce sulle dipendenze
RiminiToday è in caricamento