Il week end della Notte Rosa a Riccione vede finire in manette 3 persone

Sono state invece 11 le persone denunciate a piede libero dai carabinieri di Riccione nel corso del fine settimana

Week end impegnativo per i carabinieri della Compagnia di Riccione che, da venerdì fino alle prime ore di domenica, sono stati impegnati per garantire la sicurezza in occasione della Notte Rosa. Il bilancio dell'Arma ha visto 3 persone finire in manette e altre 11 venire denunciate a piede libero. Ad essere portato in caserma è stato un 19enne marocchino, residente in provincia di Perugia, con le accuse di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Il ragazzino era stato notato completamente nudo dal personale della sicurezza di una nota discoteca sulla collina riccionese in forte stato di alterazione, dovuto all'assunzione di un mix di alcol e droghe, tanto che i buttafuori avevano avuto serie difficoltà a immobilizzarlo e hanno chiesto l'aiuto ai carabinieri. Nonostante l'arrivo dei militari dell'Arma, il 19enne non ha dato segni di calmarsi arrivando anche ad aggredire le divise che, non senza fatica, lo hanno bloccato e ammanettato. Nell'occasione, un buttafuori è rimasto lievemente ferito ed è dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso dell'ospedale di Riccione.

Manette anche per due albanesi, un 21enne e un 24enne, entrambi residenti a Parma e già noti alle forze dell'ordine per rapina e ricettazione. I due stranieri, secondo quanto ricostruito, avevano aggredito e rapinato due turisti umbri che passeggiavano lungo viale D'Annunzio. Dopo aver strappato una catenina d'oro ed essersi impossessati di un paio di occhiali da sole, i malviventi erano fuggiti a bordo di un'auto mentre, le vittime, hanno chiamato i carabinieri. Partite le ricerche della vettura, questa è stata individuata in piazzal Aldo Moro insieme agli albanesi. Perquisito, dall'abitacolo sono spuntati fuori, oltre alla collanina e gli occhiali, anche 11 telefoni cellulari di varie marche, un lettore mp3 e due paia di occhiali da sole frutto, verosimilmente, di precedenti colpi.

Se la caveranno con una denuncia a piede libero una 17enne riccionese, autrice di un furto di cosmetici all'interno di un negozio della zona. Un 19enne e un 17enne della Valconca, che dovranno rispondere di furto, pizzicati nel deposito di una ditta situata nel Comune di Montescudo-Montecolombo operante nel settore di abbigliamento ed accessori griffati. I due ragazzini, secondo quanto emerso, stavano cercando di recuperare tre paia di scarpe che il maggiorenne, in qualità di operaio dell'azienda, aveva nascosto all’interno di cartoni da macero. Per due brasiliani, un 45enne e un 40enne, è arrivata la denuncia in quanto si trovavano illegamente sul territorio italiano nonostante il provvedimento di espulsione.

Al termine del fine settimana, sono stati 7 i giovani trovati in possesso di modiche quantità di stupefacenti e segnalati alla Prefettura come assuntori. Sul fronte dei controlli stradali, invece, 6 automobilisti si sono visti ritirare la patente in quanto sorpresi alla guida ubriachi. In totale sono state controllate circa 200 persone e 150 veicoli con sanzioni elevate per alcune migliaia di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento