Cronaca

"Ti amo" sul Tempio Malatestiano? Si rischia fino a cinque anni di carcere

E’ questa la pena per chi imbratta, danneggia o deturpa i beni culturali prevista dal nuovo ddl sui reati contro il patrimonio culturale, approvato giovedì alla Camera

Scrivere “Sara ti amo” sull’Arco di Augusto o “Amor vincit omnia” sul Tempio Malatestiano di Rimini, come accaduto negli anni passati, potrà costare da da 1 a 5 anni di carcere. E’ questa la pena per chi imbratta, danneggia o deturpa i beni culturali prevista dal nuovo ddl sui reati contro il patrimonio culturale, approvato giovedì alla Camera. “Il testo, che approda ora al Senato, è composto da sei articoli che armonizzano le pene finora divise tra il Codice penale e quello dei beni culturali – spiega il deputato Pd romagnolo Tiziano Arlotti -. Introduce il nuovo titolo VIII-bis nel codice penale, “Dei delitti contro il patrimonio culturale”, prevedendo nuovi reati, inasprendo le pene per dare maggiore tutela al patrimonio culturale e paesaggistico, e introducendo aggravanti quando oggetto di un reato comune sono dei beni culturali”.

I reati previsti dei confronti dei beni culturali sono furto, appropriazione indebita, ricettazione, riciclaggio, illecita detenzione, violazioni in materia di alienazioni, uscita o esportazione illecite, ma anche danneggiamento, deturpamento, imbrattamento e uso illecito (anche per i beni paesaggistici), devastazione e saccheggio, contraffazione, attività organizzate per il traffico illecito. “Avevo evidenziato la necessità di pene esemplari per i casi in cui, come accaduto a Rimini in passato, erano stati imbrattati monumenti – conclude Arlotti -. Con le nuove norme avremo finalmente la possibilità di un contrasto più duro a chi provoca danni al nostro patrimonio culturale e paesaggistico. Viene inoltre estesa al settore dei beni culturali la possibilità, per la polizia giudiziaria, di effettuare operazioni sotto copertura”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ti amo" sul Tempio Malatestiano? Si rischia fino a cinque anni di carcere

RiminiToday è in caricamento