rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Cronaca

Nuovi incentivi economici e edilizi per chi costruisce con tecniche di bioedilizia

Le Mvb mirano anche a incentivare il comfort abitativo, con una maggiore attenzione rispetto al passato sulle prestazioni acustiche degli ambienti interni, oltre al comfort luminoso e alla salvaguardia dai campi elettromagnetici

Risparmio energetico, il verde come strumento per l’efficentamento della rete idraulica, l’utilizzo di materiali naturali e a “km zero” . Sono alcuni degli obiettivi e delle novità presenti nel testo aggiornato delle “Misure Volontarie in Bioedilizia”, presentato alla prima e terza Commissione, misure che non hanno carattere cogente, ma solo di indicazione e che saranno parte integrante del Rue. Le Mvb sono infatti rivolte sia alle nuove edificazioni sia al recupero del patrimonio edilizio esistente e riguardano non solo le abitazioni, ma anche strutture diverse, da quelle alberghiere agli impianti produttivi.

Le Misure Volontarie in Bioedilizia prevedono l’assegnazione di incentivi calibrati sulla base dell’impegno progettuale, dell’impegno di realizzazione e del valore strategico per l’amministrazione. Tre gli obiettivi che l’Amministrazione ha individuato come strategici: l’efficentamento energetico del parco edilizio esistente, l’ottimizzazione energetica dei nuovi interventi, il miglioramento del deflusso delle acque. Rispetto al precedente regolamento, datato 2005, le misure presentate in commissione sono aggiornate rispetto alle nuove normative nazionali e regionali in campo energetico.   

Confermate le tre tipologie di incentivi previsti: edilizio, con un incremento percentuale rispetto all’indice di edificabilità fino al 20% (per gli interventi che adempiano alla totalità dei titoli contenuti nelle misure e che quindi raggiungano il risultato di 100 punti su 100); economico, con lo sconto fino al 50% sugli oneri di urbanizzazione secondaria (per gli interventi che raggiungano almeno 85 punti) e il riconoscimento dell’etichetta di qualità, una targa riconosciuta dal Comune. Rispetto al precedente testo, tra i titoli indispensabili per ottenere gli incentivi, maggiore attenzione viene dedicata al verde e alla sua funzione di filtraggio idraulico e quindi al risparmio idrico che esso produce. Viene infatti introdotto l’indice RIE per il calcolo della permeabilità del suolo, che punta quindi al miglioramento dell’efficienza fognaria.

Le Mvb mirano anche a incentivare il comfort abitativo, con una maggiore attenzione rispetto al passato sulle prestazioni acustiche degli ambienti interni, oltre al comfort luminoso e alla salvaguardia dai campi elettromagnetici. Altra novità riguarda l’incentivazione all’utilizzo di materiali “a chilometro zero”, quindi non solo naturali, a basso impatto ambientale, riciclati o riciclabili, ma anche prodotti localmente. Inoltre le misure avranno come riferimento non più la “classe energetica” (che prendeva in esame solo l’involucro degli edifici), ma la “prestazione energetica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi incentivi economici e edilizi per chi costruisce con tecniche di bioedilizia

RiminiToday è in caricamento