Banca Carim, la Procura potrebbe indagare per falso in bilancio

Nessuno degli amministratori del Cda Carim antecedente al commissariamento è stato iscritto nel registro degli indagati per questa eventuale ipotesi di reato

L'indagine sui finanziamenti facili, concessi da funzionari della Cassa di Risparmio di Rimini ad imprenditori locali e del Nord Italia, potrebbe condurre la magistratura, che coordina gli investigatori del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Rimini, a formulare l'ipotesi di falso in bilancio. Ma nessuno degli amministratori del Cda Carim antecedente al commissariamento è stato iscritto nel registro degli indagati per questa eventuale ipotesi di reato.

L'inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Gemma Gualdi e dal pmLuca Bertuzzi riguarda comunque il periodo antecedente l'arrivo dei commissari di Bankitalia e potrebbe procedere a vagliare i bilanci dei 4 anni precedenti. Nel mirino delle Fiamme Gialle i finanziamenti concessi in maniera 'facile', ossia senza le adeguate garanzie, che hanno poi prodotto la svalutazione dei crediti a bilancio Carim e a cascata tutta una serie di effetti tra cui il deprezzamento delle azioni.

Tra questi finanziamenti 'facili' anche quelli per Aeradria, la società che gestisce l'aeroporto Federico Fellini di Rimini, sulla quale pende un'indagine tra le altre ipotesi per accesso fraudolento al credito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento