rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Centrò in pieno uno scooterista, condannata per omicidio stradale

All'automobilista, a cui è stato riconosciuto il concorso di colpa, è stata anche sospesa la patente per 2 anni

E' stata condannata a 1 anno di reclusione, con rito abbreviato e sospensione della pena, l'automobilista 32enne che centrò in pieno uno scooterista uccidendolo sul colpo. Il giudice, oltre ad abbassare la pena per il rito scelto e a sospendere la patente per 2 anni alla ragazza, ha riconosciuto nei confronti della guidatrice il concorso di colpa per la forte velocità alla quale viaggiava la vittima. L'incidente si era verificato il 23 giugno del 2017, all'incrocio maledetto tra via Maceri e via Montescudo già teatro di gravi sinistri. La vittima era il 39enne Pasquale Gentile, i cui parenti si erano costituiti parte civile e seguiti dall'avvocato Mattina Lancini, che abitava poco lontano dall'intersezione dove ha trovato la morte. L'uomo percorreva la via Montescudo in direzione monte in sella ad uno scooter Yamaha Majestic 400, quando si era scontrato con una Fiat Panda che, da via Maceri, si stava immettendo sulla via principale con una svolta a sinistra in direzione mare. Il due ruote era andato ad impattare contro la fiancata sinistra dell'utilitaria per poi carambolare una ventina di metri e terminare la sua corsa a ridosso di un campo mentre, lo scooterista, era stato sbalzato sull'asfalto rimanendo a terra privo di coscienza. Inutili si erano sivelati gli sforzi dei sanitari, accorsi sul posto con ambulanza e auto medicalizzata, per cercare di rianimare il 39enne già in arresto cardiaco.

Incidente all'incrocio maledetto, scooterista perde la vita

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centrò in pieno uno scooterista, condannata per omicidio stradale

RiminiToday è in caricamento