rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Cronaca

Tragedia di via Euterpe, il legale dei famigliari della vittima: "Una follia far circolare la ruspa in quel modo"

Indagato per omicidio stradale il manovratore del mezzo da cantiere che ha ucciso Roberto Sancisi trafitto da un'armatura in acciaio

E' stato ufficialmente indagato per omicidio stradale l'operaio 57enne, socio della Cooperativa Braccianti Riminese, che si trovava alla guida dell'escavatore coinvolto nell'incidente di via Euterpe nel quale ha perso la vita il 78enne santarcangiolese Roberto Sancisi. Non è da escludersi, tuttavia, che l'inchiesta possa allargarsi con altre persone legate al cantiere per la realizzazione della rotatoria tra la Ss16 Adriatica e la Consolare che potrebbero essere iscritte nel registro degli indagati. Chiarita oramai la dinamica della tragedia, con il mezzo pesante che uscito dall'area nei pressi dei campi da tennis del Garden ha attraversato le quattro corsie di via Euterpe per dirigersi verso gli scavi a ridosso del parco della Cava, resta da capire se la ruspa era autorizzata a uscire in strada e se sono state adottate tutte le cautele necessarie come la presenza dei movieri che in quel momento dovevano bloccare la circolazione dei veicoli sulla via Euterpe. Su questo secondo aspetto sono emerse diverse testimonianze di automobilisti che si trovavano sul posto i quali escluderebbero che gli addetti avessero interrotto il traffico e che, anche in passato, il mezzo avrebbe attraversato più volte il tratto interessato dall'incidente sempre in maniera non sicura.

Tragedia nel cantiere della nuova rotatoria

"I famigliari di Roberto Sancisi - ha dichiarato l'avvocato Umberto De Gregorio - mi hanno incaricato di tutelarli per quanto riguarda tutti gli aspetti civili e penali che hanno portato al drammatico decesso del loro congiunto. Per loro è un dolore immenso accentuato dall'assurdità delle cause dell'incidente mortale. Questo non è solo un sinistro stradale nel quale ha perso la vita un 78enne perchè è stata una vera e propria pazzia far muovere l'escavatore in quella maniera senza che nessuno regolasse il traffico in una strada che è uno dei principali raccordi per muoversi a Rimini. Con straordinaria umanità il Procuratore della Repubblica, Elisabetta Melotti, ci ha rassicurato che al vaglio della Procura ci sono tutte le ipotesi e che ci sarà una scrupolosa inchiesta per determinare con esattezza tutte le cause".

"Appena ho saputo dell'incidente - ha spiegato Valerio Brighi, presidente della Cbr, subito dopo il sinistro - mi sono precipitato sul cantiere e ho visto il nostro addetto che parlava con gli agenti della Municipale per ricostruire quanto accaduto. Anche noi siamo in attesa di capire cosa non ha funzionato nelle procedure di sicurezza durante la manovra dell'escavatore e appurare se il personale ha provveduto ad interrompere il traffico. In questo senso ci stiamo attivando per fare un'indagine interna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia di via Euterpe, il legale dei famigliari della vittima: "Una follia far circolare la ruspa in quel modo"

RiminiToday è in caricamento