Incidenti stradali

Due pirati della strada smascherati dalla Municipale grazie alla videosorveglianza

Entrambi hanno provocato degli incidenti con feriti e si sono allontanati senza prestare soccorso alle persone coinvolte

Grazie alle indagini degli agenti della polizia Municipale di Bellaria, che si sono avvalsi del sistema di telecamere che sorveglia la città, è stato possibile individuare e denunciare due pirati della strada che dopo altrettanti incidenti con feriti si sono allontanati senza prestare soccorso alle persone coinvolte. Il primo si è verificato nel pomeriggio di mercoledì, all'incrocio tra le vie Tibullo e Stazio, dove una donna 80enne al volante di un'utilitaria della Fiat è rimasta coinvolta in un sinistro con un autocarro Ford. La dinamica è ancora al vaglio del personale della Municipale che, arrivato sul posto, ha constatato come il furgone aveva abbandonato il luogo del sinistro. Sono stati visionati i filmati delle telecamere posizionate lungo le vie Teano e Pertini e, dalle immagini, si è potuta identificare la targa del Ford risalendo alla proprietà del mezzo e al suo conducente. A finire nei guai è stato un 38enne cesenate che, identificato dagli agenti della Municipale, è stato denunciato per fuga ed omissione di soccorso.

Epilogo analogo per un secondo sinistro, avvenuto all'inizio della settimana, lungo la via Ravenna nella zona di Igea. A fuggire, questa volta, è stato un 42enne riminese che al volante della propria vettura è andato a sbattere contro un veicolo che si stava immettendo sulla strada principale procurando delle lesionial conducente di quest'ultimo. Dopo l'impatto il primo automobilista si è allontanato ma, alcuni testimoni, sono riusciti a prendere parte della targa dell'auto pirata. Anche in questo caso le indagini della Municipale hanno permesso di risalire al guidatore che, come da prassi, è stato deferito all'autorità giudiziaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due pirati della strada smascherati dalla Municipale grazie alla videosorveglianza

RiminiToday è in caricamento